• Mer. Ott 20th, 2021

Caserta. Preso componente della banda che rapinò la figlia dell’ex presidente della Provincia Zinzi

DiThomas Scalera

Ott 8, 2015

polizia_ladri_arresto

CASERTA. Fermato un altro componente della banda che nel giugno scorso rapinò e seviziò Mara Zinzi, figlia dell’ex presidente della Provincia di Caserta, mentre si trovava con la figlioletta nel suo appartamento a Caserta. Gli agenti della squadra mobile di Caserta, infatti, hanno fermato lo slovacco Andrej Boda, in Italia senza fissa dimora. Secondo gli inquirenti, l’uomo, insieme ad altri due complici, avrebbe partecipato alla rapina. Sarebbe quindi stato fra i tre che, sotto crudeli sevizie, volevano costringere la Zinzi ad aprire la cassaforte dell’appartamento.
Le attività investigative, coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, già avevano permesso di individuare subito la basista della rapina nella collaboratrice domestica delle vittime, Aiperi Turdugulova, classe 1992, nata in Kirghizistan, insieme all’ideatore e organizzatore dell’assalto, il georgiano Alexander Tuxel, 35 anni, suo fidanzato, che le aveva proposto di compiere il colpo nella casa della Zinzi dove lei lavorava. L’uomo è attualmente latitante. Successivamente, le indagini consentivano di identificare una seconda complice, connazionale di Turdugulova, Nargiza Kuruchbekova, classe 1986, nata a Bishkek (Kirghizistan), nei cui confronti, il 20 giugno, la Procura adottava il provvedimento di fermo.
Il quadro indiziario acquisito dagli inquirenti a carico delle due donne risultava solido tanto da superare il vaglio del Tribunale del Riesame. Entrambe, allo stato, sono detenute. Le attività investigative proseguivano, ampliandosi alla potenziale cerchia di persone, prevalentemente cittadini dell’est Europa, che avevano mantenuto rapporti con il latitante e le sue complici antecedentemente al fatto delittuoso, permettendo di individuare uno dei due complici proprio in Andrej Boda. L’uomo è stato individuato a Napoli, mentre si accingeva ad abbandonare definitivamente il territorio nazionale nel timore di essere arrestato dalle forze di polizia. Era in possesso di una carta di identità rilasciata dalla Repubblica Slovacca risultata alterata.

Fonte: Casertanews.it

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru