Antica Terra di LavoroCasertaCoronavirusCronacaNews

Caserta. Primo morto per coronavirus nel capoluogo. Marino: “C’è bisogno di responsabilità”

L'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano
EVENTI IN EVIDENZA

Si tratta di una donna di 52 anni

CASERTA. Visibilmente commosso, con un video sulla propria pagina Facebook, il sindaco Carlo Marino ha dato la notizia del primo morto per coronavirus nella città di Caserta. Oggi pomeriggio si è spenta all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano una signora già da qualche giorno in terapia intensiva. Il primo cittadino ha aggiunto, in riferimento alla giornata di domani, 19 marzo, festa del papà, di festeggiare in famiglia, uscire solo per necessità e di sforzarsi a rimanere in casa per il bene della comunità. “Non siamo in tempo di festa, serve responsabilità” ha tenuto a precisare Marino. “Voglio che tutti pensino questa donna per avere un motivo per non uscire e difendere la propria salute e quella dei nostri cari”.

Si tratta del sesto morto in provincia di Caserta, dopo i tre casi a Santa Maria Capua Vetere, uno a San Prisco e uno a Mondragone. Sono già state prese tutte le disposizioni per rintracciare quante più persone possibili che sono state a contatto con la donna negli ultimi giorni prima che venisse ricoverata all’ospedale civile di Caserta. La positività del tampone come in altri casi è arrivata post-mortem.

La donna lascia marito e una figlia, svolgeva lavoro come poliziotta a Caserta. Sentite condoglianze a familiari e amici.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.