• Gio. Ott 28th, 2021

Caserta. Sanità pubblica, la Cisas: "Evitare nuovi sacrifici agli assistiti"

DiThomas Scalera

Set 5, 2016

caserta-ospedale11
CASERTA. Il blocco delle prestazioni chirurgiche specialistiche, riguardante le Aziende Sanitarie della provincia di Caserta attuato dall’Asl, ha ridotto di fatto l’assistenza ai cittadini bisognevoli di cure specialistiche, generalmente non disponibili presso la Sanità pubblica mettendo in difficoltà ed in crisi alcune Case di Cura, fra cui la Clinica S. Anna di Caserta.
La Segreteria regionale della Confederazione Cisas, già mesi fa, era intervenuta sull’argomento chiedendo di rivedere il provvedimento nell’ambito di una riorganizzazione dell’intera attività sanitaria in Campania, di cui già si stava occupando la nuova Giunta Regionale.
Caso contrario, a parte la eliminazione di una qualificata assistenza non disponibile presso Ospedali od Asl , si sarebbe venuta a creare anche una riduzione del personale sanitario addetto.
Ai primi di Agosto la direzione della Clinica S.Anna, dopo un incontro con i sindacati, ha provveduto a chiedere alla Regione un incontro per poter relazionare sull’argomento.
Poiché nessun incontro si è ancora verificato, la Segreteria regionale della Confederazione Cisas ritorna nuovamente sull’argomento chiedendo all’Asl ed alla Regione di non penalizzare ulteriormente gli assistiti casertani e gli stessi Operatori sanitari, molti dei quali perderebbero il posto di lavoro.
La Segreteria della Cisas confida nella sensibilità della nuova Giunta Regionale, che si trova ad agire nel settore Sanità, in passato trascurato dalla precedente Amministrazione, chiedendo al Presidente De Luca di risolvere la delicata problematica, che vede penalizzati assistiti e lavoratori addetti.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru