• Mer. Ott 27th, 2021

Caserta. Scuola, stamattina il sit-in di protesta in Corso Trieste. Il resoconto

DiThomas Scalera

Mar 24, 2017

CASERTA. A causa del dissesto finanziario che ha colpito la provincia, negli ultimi mesi il disagio scolastico attorno alle scuole pubbliche di Terra di Lavoro si è notevolmente aggravato. Questa mattina infatti si è tenuto davanti la sede storica della provincia di Caserta su corso Trieste un sit-in di protesta dei rappresentanti dei genitori degli studenti della rete informale dei genitori delle scuole casertane. “La Rete Informale dei genitori delle scuole casertane denuncia nel giorno dedicato alle scuole sicure lo stato degradante dell’edilizia scolastica in Terra di Lavoro. Uno dei genitori della rete afferma che ottantatré istituti su novanta non sono a norma e che servirebbero circa cento milioni di euro per la messa in sicurezza delle strutture. Inoltre afferma ancora il genitore della rete mancano i fondi per pagare elettricità, riscaldamenti e ammodernamento degli impianti antincendio. Una situazione disastrosa che non conosce conclusione. Noi genitori vogliamo conoscere il futuro delle nostre scuole, un futuro che non vede una soluzione tangibile, il presidente della provincia Lavornia in via del tutto informale ci ha confidato a noi membri della delegazione che le risorse non ci sono, si attende una piccola speranza dal governo nazionale con il decreto “SalvaProvincie” solo così si potrebbero mettere a norma tutti gli istituti scolastici del casertano. Oggi più che mai la popolazione ha bisogno di aiuto. I problemi del paese non sono circoscritti interamente attraverso l’edilizia scolastica: c’è una forte emergenza abitativa, servono investimenti nella scuola pubblica ed è necessario creare nuove possibilità di lavoro, ma soprattutto i giovani non vanno abbandonati. Questi disagi sono cresciuti negli anni, infatti la popolazione comunica con forza il proprio malessere alle istituzioni, anche attraverso la protesta di noi genitori degli studenti della provincia di Terra di Lavoro. La provincia di Caserta per concludere afferma amaramente il genitore è stata sempre un valore aggiunto per la nostra nazione e noi vogliamo lottare affinché si ritorni a quei magnifici fasti. Se la politica casertana rappresenta oggi zero per la nostra Caserta, si faccia da parte, per dare spazio a chi ha cuore l’interesse primario della collettività.”

Ecco anche il comunicato della Rete Informale Genitori Scuole Superiori Casertane:

LA RETE INFORMALE GENITORI SCUOLE SUPERIORI CASERTANE STAMATTINA HA EFFETUATO IL SIT E PRESIDIO DI PROTESTA SUL CORSO TRIESTE DI CASERTA PRESSO LA SEDE DELL’AMM.NE PROV.LE , PER DARE UN SEGNALE CHIARO E DETERMINATO, CHE I GENITORI NON MOLLANO NON SI ARRENDONO E VANNO AVANTI .TUTTO QUESTO ANCOR PIU’ NELLA GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE INDETTA DALL UNIONE PROVINCE ITALIANE.SUCCESSIVAMENTE SU INVITO DEL PRESIDENTE LAVORNIA , CI SIAMO RECATI ALLA SEDE DELLA AMM.NE PROV.LE DELL AREA S. GOBAIN , PER CONFRONTARCI ED ESSERE INFORMATI SULLE NOVITA’ DI QUESTA SITUAZIONE DAVVVERO GRAVE.
ABBIAMO INCONTRATO IL VICEPRESIDENTE BORTONE , CHE CON NOSTRO GRANDE RAMMARICO HA DOVUTO COMUNICARCI LA LORO RESA, SE IL GOVERNO IL GIORNO 29 MARZO NON DOVESSE APPROVARE IL DECRETO SALVA-PROVINCE, INFATTI IL 19 APRILE SARA’ L’ULTIMO GIORNO DI SCUOLA, PER I NOSTRI FIGLI.A QUESTO PUNTO NOI CHIEDIAMO A TUTTI I CITTADINI DELLA PROVINCIA DI CASERTA ED AI RIFERIMENTI ISTITUZIONALI IN PRIMIS, DI METTERCI LA FACCIA E FARE DAVVERO FINALMENTE UNA SCELTA DI CAMPO, E DIMOSTRARCI CHE SONO IN GRADO DI RAPPRESENTARE LE NOSTRE LEGITTIME ISTANZE IN TUTTE LE SEDI E LIVELLI DEMOCRATICI. NOI LO FACCIAMO E CONTINUEREMO A FARLO.LA NOSTRA E’ UNA BATTAGLIA DI CIVILTA’ , I NOSTRI FIGLI NON DEVONO ESSERE FIGLI DI UN DIO MINORE, ED AVERE IL DIRITTO DOVERE AD UNA SCUOLA SICURA, EFFICIENTE, “NORMALE” ,DI QUALITA’. IL 31 MARZO INOLTRE ,TERMINA IL PERIODO DI GESTIONE PROVVISORIA, E PER QUESTO IL GIORNO 3 APRILE ALLE ORE 10,00 E’ CONVOCATA UNA CONFERENZA STAMPA APERTA A TUTTI GLI ATTORI DEL TERRITORIO, DELLA SCUOLA IN PARTICOLARE , QUALE BENE COMUNE, ED A SEGUIRE C’E’ UNA SEDUTA CONVOCATA IN TAL SENSO, MONOTEMATICA, DEL CONSIGLIO PROVINCIALE, PER INFORMARE TUTTI I CITTADINI CHE A QUESTO PUNTO NON SI E’ PIU’ IN GRADO DI GARANTIRE NULLA, DA PARTE DELL’AMM.NE PROV.LE.TANTO PIU’ CHE E’ STATO PREDISPOSTO ESPOSTO DENINCIA CAUTELATIVO , CHE INFORMA LE AUTORITA’ COMPETENTI, DELL INCAPACITA’ AD ANDARE AVANTIO IN QUESTE CONDIZIONI, QUALE PASSO ULTERIORE CONDIVISO IN TUTTA L’ITALIA.NOI CONTINUEREMO IL NOSTRO PERCORSO DI CONFRONTO E LOTTA, IN SETTIMANA PROSSIMA INCONTREREMO DI NUOVO IL PRESIDENTE LAVORNIA PER AVERE AGGIORNAMENTI ULTERIORI, MA CHIEDIAMO A TUTTI , VISTA LA SITUAZIONE DI GRAVE EMERGENZA DEMOCRATICA, DI NON GIRARSI DALL ALTRA PARTE , DI NON ESSERE IGNAVI, DI IMPEGNARCI PER UN FUTURO DEGNO DEI NOSTRI FIGLI , ATTRAVERSO L’ISTRUZIONE , FORMAZIONE, CULTURA .
NOI CI CREDIAMO E LOTTIAMO, E VI CHIEDIAMO DI UNIRVI A NOI.
RETE INFORMALE GENITORI SCUOLE SUPERIORI CASERTANE

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru