• Lun. Ott 25th, 2021

Caserta. “Terra di lavoro e … dignità” : al via i campi e i laboratori antimafia nel casertano

DiThomas Scalera

Lug 29, 2015

080153_estate-campi-antimafia

CASERTA. Anche quest’anno, sono stati attivati i campi e i laboratori antimafia “Terra di lavoro e … dignità” in provincia di Caserta. Nella serata di ieri Cgil Caserta ha ospitato nella propria sede provinciale il primo incontro con i volontari arrivati dalla Toscana e dal Veneto per il primo turno di questa edizione dei campi. L’iniziativa promossa da Nero e non solo! Onlus, in collaborazione con la Cgil e la categoria dei pensionati della Cgil Caserta vede, dal 2011, un’attiva partecipazione di giovani e pensionati – provenienti anche da altre regioni d’Italia – alle attività di volontariato, svolte sui territori del casertano tra i Comuni di Parete e Santa Maria la Fossa. Il tema centrale del dibattito è stato quindi il lavoro nero e i percorsi possibili, seppur tortuosi, che le organizzazioni promotrici ed in particolare la Cgil, da sempre portano avanti, nella nostra provincia, per la difesa dei diritti dei lavoratori e del diritto al lavoro – nel segno della legalità – e del contrasto al lavoro sommerso. È un’iniziativa di grande rilievo quella portata avanti da Nero e non solo e Cgil, poiché un campo mette insieme il recupero e il riutilizzo di un bene confiscato alla camorra, con l’impegno contro lo sfruttamento lavorativo, in particolare dei lavoratori migranti, impegnati in agricoltura. Nel corso dell’incontro di ieri sono state rappresentate dalla Cgil di Caserta e dalla categoria pensionati le difficoltà vissute sul territorio dal sindacato, nel rappresentare i diritti dei lavoratori, in un contesto dove il lavoro nero è forte e la fase di crisi economica ed industriale non fa intravedere ancora un processo d’inversione, tale da creare nuovo lavoro. I volontari dei campi saranno impegnati nella realizzazione di una mensa sociale, con lo scopo di promuovere i diritti degli stranieri, con attività che passino attraverso la partecipazione alla vita sociale e democratica del territorio; a Santa Maria La Fossa si realizzeranno attività agricole e di recupero di un bene confiscato alla camorra, per renderlo usufruibile alla popolazione del territorio. A queste attività si alterneranno, come ogni anno, incontri di formazione ma anche approfondimenti e momenti di condivisione di percorsi con i soggetti che, sul territorio della nostra provincia, quotidianamente, promuovono percorsi di legalità.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru