• Lun. Ott 18th, 2021

Caserta. Truffa sugli incidenti da due milioni di euro: i nomi dei 26 indagati

DiThomas Scalera

Nov 19, 2015

tribunale santa maria cv

CASERTA. Ventisei persone indagate per incidenti truffa. Il giudice per le indagini preliminari Umberto Lucarelli ha disposto il sequestro preventivo dei conti correnti di sette di loro. Nei giorni scorsi é stato notificato il provvedimento del gip a seguito della richiesta avanzata dalla procura che sta cercando di fare luce su decine di sinistri stradali. Nel registro degli indagati sono stati trascritti i nomi di Mario Lanfredi, Andrea Lanfredi, Marco Iacovone, Fernando Foschini, tutti residenti a Caserta, Raffaele Barra, residente a Salerno, Daniela Marchetti, Vincenzo Fusco, residenti a Caserta, Fedele Alberti, di Salerno, Samuele Piraino e Gianmarco Bastianetto, di Roma, Mauro Paudicio, di Portici, Raffaele Romano, di Benevento, Vincenzo Tufano, di Torre del Greco, Tommaso Di Carluccio, di Marcianise, Annunziata De Santis, di Caserta, Maurizio Palestra, di San Giorgio a Cremano, Luigia Raucci, di Caserta, Raffaella Aliberti, di Napoli, Erminia Iodice, di Caserta, Amalia Puca, di Torre Annunziata, Luigi Murazio, residente a San Nicola la Strada, Rosa Franco di Caserta, Giuseppina Bardari, di Caserta, Urania Maria, di Marcianise, Francesca D’Agostino di Caserta, Iolanda Rossi di Postiglione (difesi dagli avvocati Luca Di Caprio, Nello Sgambato e Alberto Martucci). Secondo la Procura, con ruoli diversi, gli indagati avrebbero denunciato falsi sinistri stradali. In base a quanto accertato avrebbero indotto la Consap, amministratrice del Fondo Vittime della strada, a corrispondere ingenti somme di denaro a titolo di risarcimento danni. L’ingiusto profitto conseguito dall’associazione é, per la procura, pari a un milione e 972mila euro.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru