• Mar. Ott 26th, 2021

Caserta. “Un Augurio di Risate”, attesa in città per lo spettacolo

DiThomas Scalera

Dic 22, 2016

CASERTA. Tutto pronto per il 5 Gennaio. Il Teatro Izzo ospiterà lo spettacolo “Un Augurio di Risate”. Divertimento assoluto con la strepitosa comicità teatrale di Enzo Varone ed Giovanni Alocca. La serata è stata organizzata dalle due associazioni artistiche casertane Assoqquadro e Fratelli De Rege con lo scopo di riunire tutti gli artisti casertani in un grande momento conviviale dove tutti noi potremo festeggiare insieme agli spettatori in sala con entusiasmo l’ingresso del 2017. Alla serata parteciperanno: Carmen Di Mauro, Tina Gesumaria, ed Antonia Oliva le tre artiste leggeranno opere poetiche dell’arte napoletana, con l’accompagnamento musicale dei maestri Franco e Fausto Mantovanelli. Si esibirà anche l’artista casertana Elena Starace. L’ attrice leggerà un monologo sull’amore accompagnata musicalmente dalla tamorra di Luca De Simone. Allocca e Varone, invece saranno i protagonisti assoluti nel pezzo teatrale classico di due grandi attori Franchi/Ingrassia, ed i fratelli Maggio:”Core n’grato” la loro comicità, metterà in luce i termini espliciti quello che, come vedremo, è stato sempre il loro aspetto essenziale anche per un altro tipo di riflessione quella artistica. I due attori metteranno indirettamente in vita con il loro classico sketch d’avanguardia di battaglia la capacità di dar vita a un nodo, di legare insieme sentimenti o situazioni apparentemente opposti. Inoltre si collegheranno sempre alla commedia distinguendosi dal dramma serio e soprattutto dalla tragedia. Ma al di là della distinzione dei generi, la riflessione sulla loro divertente comicità, e ancora di più quella sull’umorismo, rimane sempre stimolo essenziale per la pratica artistica. Nei loro spettacoli il genere umoristico viene in genere usato come sinonimo di comico: un giornale umoristico, uno scrittore umoristico indicano semplicemente la volontà di divertire. Il sostantivo umorismo ha sempre nelle loro performance una sfumatura di significato differente: indica un modo di guardare con creatività, ma soprattutto di far guardare con gli occhi il mondo. La loro arte osserva sempre con brillantezza ciò che ci circonda, i due attori hanno sempre un modo di guardare differente e imprevedibile la società, osservano in maniera inconsueta ciò che fino a quel momento appariva consueto. Qualcosa di molto importante, quindi, per la loro pratica artistica. Il salto rispetto alla quotidianità è reso possibile, a sua volta, dal fatto che la loro comicità determina, più che il riso, una situazione di vitalità particolarmente intensa, un battito di vita particolarmente forte, e un momento di rottura rispetto al senso comune. Varone ed Alocca hanno sempre indicato un polo estremo dell’essere umano. La serietà, invece, è ciò che sta in mezzo, ed rappresenta la normalità. I loro spettacoli sono una rottura rispetto alla quotidianità, un momento di capovolgimento di regole, convenzioni e convinzioni, e proprio perciò la loro creatività artistica rappresenta sempre meravigliosamente uno strumento d’arte per eccellenza. Inoltre, come abbiamo appena visto parlando dei due attori la loro capacità rimane sempre quella di mettere insieme sentimenti o situazioni opposte, e di determinare veri e propri nodi di opposizioni. Durante la serata ci sarà l’esibizione di altri attori teatrali: Fausto Bellone, Ernesto Cunto ed Amedeo Mattiello saranno i protagonisti di “Pericolosamente” atto unico di Eduardo De Filippo. La serata ancora continuerà con le esibizione artistiche di Gianni Cannavacciuolo, Tina Gesumaria, il medley di canzoni contemporanee dei maestri Mantovanelli, lo spettacolo di cabaret “Provini” ed il racconto a sei voci “Padre Cicogna”. Per informazioni sull’acquisto dei biglietti rivolgersi presso il botteghino del Teatro Izzo di Via Kennedy a Caserta.

Giacinto Di Patre

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru