Lun. Set 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Caserta. “Un fiore nel taschino”, iniziativa della Ugl contro le aggressioni ospedaliere

2 min read

Nota congiunta dei segretari provinciali Ugl Caserta delle categorie Medici, Sanità e Sicurezza e Civile

CASERTA. “Siamo preoccupati per le continue aggressioni perpetrate ai danni dei medici, degli operatori sanitari e dei lavoratori dell’indotto ospedaliero della provincia”. E’ quanto dichiarano in una nota congiunta i segretari provinciali Ugl Caserta delle categorie Medici, Sanità e Sicurezza e Civile. “Chiediamo alle istituzioni di accogliere la nostra richiesta d’aiuto, al fine di consentire ai nostri associati di lavorare serenamente e di mettere a disposizione le loro grandi doti professionali”. Luciano Gentile, Patrizia De Rosa e Luca Tortora riconoscono e si immedesimano nelle difficoltà di un’utenza stressata dalla cattiva sanità, ma allo stesso tempo richiedono alle istituzioni garanzie per poter lavorare in sicurezza. “Gli episodi si moltiplicano, tanti, troppi lavoratori, spesso anche precari, sono stati aggrediti fisicamente e verbalmente  durante i turni: forbici ed estintori branditi come armi improprie, studi ed uffici sfasciati dalla rabbia dei familiari dei pazienti, ogni giorno ci si trova alla prese con un bollettino di guerra, è questa una situazione che deve immediatamente trovare soluzione”. La Ugl, continua la nota, è pronta a raccogliere e sostenere, anche legalmente, quei professionisti e quei lavoratori che dovessero trovarsi in queste condizioni di difficoltà. Lunedì 3 Giugno ci recheremo al lavoro con un fiore nel taschino, sarà il nostro modo per palesare le nostre difficoltà e per sensibilizzare la cittadinanza. 

UGL Caserta

Leggi anche:

Marcianise. “Caffè d’Autore”: al Kleb si presenta il libro di Andrea Vismara “Bisesto”

Pastorano. Rubava nel deposito che doveva controllare: arrestato vigilante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open