• Dom. Ott 24th, 2021

Caserta. Un quadro in un deposito rivela in lontananza il Castello di Vairano

DiThomas Scalera

Nov 18, 2015

Le 3 torri minori, il maschio e la posizione delle montagne alle spalle (oltre che alla chiesa fuori le mura) non lascerebbe dubbi, quella è Vairano.

CASERTA. È una visione molto particolare quella che mi è capitata oggi mentre accompagnavo nella quadreria il direttore Felicori.

Un quadro che ai più potrebbe sembrare un semplice rappresentazione di una battuta di caccia, ma ad un occhio attento non passerà inosservato il castello in lontananza.
Guardando bene l’immagine, oltre a distinguere perfettamente il castello D’Avalos si possono intravedere anche altre costruzioni caratteristiche.

Vairano, insomma, oltre ad essere la “porta del sud” era anche un luogo dove il Re amava recarsi per “rilassarsi” e cacciare. Ed ora ce lo conferma anche un quadro di Alessandro D’Anna, del 1789, paesaggista alla corte dei Borbone.

Vairano Patenora. Taverna Catena, il Senatore De Cristofaro al convegno promosso da Sinistra Italiana

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru