Mar. Set 17th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Castel Campagnano. “I Piatti tipici del Medio Volturno”, ieri il quarto appuntamento

2 min read

CASTEL CAMPAGNANO. Ieri sera 23 novembre 2018 si è tenuto presso l’Agriturismo Masseria Picone

il quarto appuntamento del concorso “I Piatti tipici del Medio Volturno”.

Il menù proposto, elaborato dalla chef Anna Maria Resse, rispettoso della stagionalità dei prodotti utilizzati, era composto da un antipasto: prosciutto crudo, salsiccia, pancetta, capicollo, formaggio, olive caiazzane, montanare con piennolo del Vesuvio e bruschetta con olio caiazzo; per primo tagliarielli con fagioli; il secondo invece aveva come protagonista la carne di bufalo con salsa di castagna ufarella e lumache al sugo (Masseria Picone è un’azienda elicicola); per concludere il dessert: una torta di mela annurca. Il tutto accompagnato dal Pallagrello del viticoltore Davide Campagnano.
Si ringraziano le aziende La società “Bufalo Beef” per la carne di bufala campana e l’azienda di Mariano Russo per il piennolo del Vesuvio.
A giudicare le singole portate la giuria tecnica composta da Maria Grazia Fiore, ideatrice del concorso, Presidente dell’associazione Pro loco Caiazzo e dell’Unpli Caserta, Angela Cerreto, esperta di cucina locale, Antonio Leonelli come rappresentante dell’Associazione Cuochi e Ristoratori Terra di Lavoro e dell’associazione I Templari del Gusto e da una giuria popolare composta dai partecipanti prenotatisi presso la segreteria dell’Associazione Pro loco Caiazzo.
Il prossimo appuntamento sarà il 18 gennaio presso il Ristorante Le Volte di Annibale e Bacco di Caiazzo (CE).

Per info e prenotazioni contattare, massimo entro il giorno prima della data in calendario, l’associazione Pro Loco Caiazzo al numero 0823.862761, oppure via mail a [email protected] Seguite gli appuntamenti su www. prolococaiazzo.net e su facebook: pro loco Caiazzo.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open