• Dom. Ott 17th, 2021

Castel Volturno. Estorsione: assolto anche in appello l'imprenditore Cerullo

DiThomas Scalera

Apr 9, 2016

aula-tribunale
CASTEL VOLTURNO. Dopo cinque ore di camera di consiglio, la Seconda Corte di Appello di Napoli ha confermato la sentenza di assoluzione nei confronti di Raffaele Cerullo, detto Elio, originario di Castel Volturno, cinquantasei anni,  titolare di un autodromo con annessa pista di go-kart sul litorale domitio. Accolte in pieno le ragioni dei suoi difensori, avvocati Raffaele Gaetano Crisileo e Vittorio Giaquinto. La sentenza di primo grado era stata emessa l’anno scorso dalla Prima Sezione Penale Collegiale del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presidente Rosa Stravino, e contro quel giudizio, assolutorio con formula piena, aveva proposto appello la Procura della Direzione Distrettuale di Napoli. Appello “coltivato” anche dal Procuratore Generale di udienza che, nella passata udienza, aveva chiesta la riforma del verdetto assolutorio di primo grado e la condanna del Cerullo addirittura a nove anni di reclusione. L’imprenditore castellano Cerullo, originario del posto, rispondeva di concorso in estorsione aggravata dal metodo camorristico e, prima di essere stato assolto in primo grado, aveva subito una carcerazione preventiva di circa due anni di reclusione nel penitenziario di Santa Maria Capua Vetere. Dopo sei anni dai fatti e dopo un doppio verdetto assolutorio, a questo punto finisce l’incubo per l’imprenditore che era stato accusato da due collaboratori di giustizia, Tammaro Diana ed Emilio di Caterino, che avevano massicciamente puntato l’indice nei suoi confronti e  lo avevano accusato di far parte dell’ ala bidognettiana del clan dei casalesi  e di essere stato da un lato l’intermediario e dall’altro lato colui che aveva materialmente preso e consegnato il denaro da un imprenditore di calcestruzzo dell’hinterland napoletano che stava effettuando i lavori sulla Domitiana a emissari del clan mafioso del luogo. Gia in primo grado i due difensori del Cerullo, durante il contro esame dei collaboratori di giustizia, avevano scardinato l’impianto accusatorio dei  collaboratori e l’impianto della Pubblica Accusa non aveva retto al vaglio dibattimentale. La Corte di Appello, in definitiva, accogliendo le ragioni degli avvocati Crisileo e Giaquinto, ha disatteso in pieno le ragioni poste a fondamento dell’atto di appello del Pubblico Ministero della Direzione Distrettuale Antimafia perché non era riuscito ad apportare alcun elemento di novità.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru