Mer. Feb 26th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Castel Volturno. Sequestrati 35 kg di fuochi d’artificio illegali: denunciate tre persone

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Il sequestro è stato operato nella mattinata di oggi in un deposito a Castel Volturno

CASTEL VOLTURNO. Con l’approssimarsi delle festività natalizie e di fine d’anno, coincidenti coi tradizionali cenoni, si rinnova, purtroppo, anche la deprecabile tradizione dell’esplosione dei fuochi d’artificio  per salutare il nuovo anno.

Proprio per contrastare questa pessima abitudine ed i conseguenti bollettini medici attinenti alle ferite, spesso mortali, dovuti all’improvvido uso o peggio ancora alla fabbricazione artigianale che non tiene conto delle norme di sicurezza, in prossimità dell’arrivo del nuovo anno vengono intensificati i controlli finalizzati proprio a scongiurare fatali eventi.

In questa ottica va inquadrato il sequestro di ben 35 kg. Di fuochi pirotecnici artigianali, buona parte dei quali, per l’appunto, fabbricata artigianalmente e fuori da ogni controllo di sicurezza, per questo motivo pericolosissimi per la pubblica incolumità, operato nella mattinata di oggi da parte degli uomini della Squadra Volante del Commissariato di P.S. di Castel Volturno, diretto dal Vice Questore dr, Luigi Graziano, che, all’esito di un’attività info-investigativa, individuavano in Via Pisacane un deposito di fuochi d’artificio pronti per essere venduti. Considerata la pericolosità del materiale sequestrato, si rendeva necessario l’intervento del Nucleo Artificieri della Questura di Napoli, cui veniva affidato per la distruzione.

Le persone identificate all’interno dell’abitazione, precisamente, L.N., di 40 anni; G.C. di 27 anni e M.E. di 25 anni, venivano denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per detenzione e produzione illegale di materiale esplodente non classificato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close