• Gio. Ott 21st, 2021

Castel Volturno/Terracina. Spaccio di droga nel basso Lazio: arrestata banda di extracomunitari

DiThomas Scalera

Feb 15, 2017


CASTEL VOLTURNO/TERRACINA. La Polizia di Stato di Caserta, a seguito di una intensa attività di indagine finalizzata alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti sul litorale domitio, ha tratto in arresto, nel corso del pomeriggio di ieri, una banda di extracomunitari di origine indiana che era solita rifornirsi nell’area castellana di sostanze stupefacenti di vario tipo, da rimmettere sul mercato del basso Lazio, in particolare nel territorio di Terracina. Le indagini dei poliziotti del Commissariato di Polizia di Castel Volturno, originate dall’insolita presenza di autovetture condotte da cittadini non residenti nell’area corroborate da elementi investigativi, hanno portato all’identificazione di

  1. MAHEY MANDEEP, nato in India il 17/10/1992 residente in Terracina (LT);
  2. MAHEY GURDEEP, nato a Pasla (India) il 18.12.1987 residente a Terracina (LT);
  3. SINGH MAHABIR, nato in india il 30.04.1980 domiciliato in Terracina (LT);
  4. SINGH PARGAT, nato in Marrar Gurdaspur (India) il 03.02.1978 domiciliato in Terracina (LT).

I vari elementi acquisiti hanno permesso agli agenti di intervenire al momento opportuno, cogliendo in flagranza le persone sopraindicate, trovate in possesso di oltre 50 pasticche di sostanza stupefacente, insieme ad ovuli di eroina, che invano gli indagati avevano provato ad occultare, sia nell’autovettura che conducevano, che nelle loro persone ingerendoli. Una parte della sostanza stupefacente è stata finanche rinvenuta in una busta di patatine che gli stessi hanno finto di consumare all’atto della perquisizione. Dopo le procedure di rito, i quattro arrestati sono stati associati presso il carcere di S. Maria C.V. a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru