Mar. Set 17th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Cellole: Amministrazione Barretta, un anno dopo. I Giudizi.

2 min read

E’ trascorso giusto un anno dalla vittoria elettorale della lista che sosteneva il candidato Sindaco Angelo Barretta.
A differenza del suo collega sessano, Barretta gode di una ampia popolarità in tutta la città, anche se è qualche crepa inizia ad intravedersi soprattutto nelle ultime settimane dopo le dimissioni del Presidente del Consiglio Di Meo.
L’anno amministrativo ha avuto dei momenti positivi ed altri meno per il Sindaco.
Di certo Barretta ha rimesso in modo la trasformazione urbana della città , intervenendo sulla Villa Comunale, le rotonde, i dossi, il tratto finale di Viale Risorgimento ed altre opere pubbliche (anche se i conti delle casse comunali “piangono miseria”).
Bene, anche le manifestazioni natalizie, i giochi dei quartieri e il Carnevale.
Meno bene, è il dato economico. Cellole non vive una situazione serena dal punto di vista delle casse comunali e su questo punto alla Giunta Barretta viene imputato di non fare granchè per sanare il problema, anzi di aggravarlo con alcune voci di bilancio (autovelox) che appaiono esageratamente pompate e sicuramente, il punto più basso dell’anno amministrativo è stato il manifesto del Sindaco contro l’Opposizione in cui si è travalicato il buon gusto.
Una opposizione, quella del Comitato Civico che è apparsa piuttosto tenace, inizialmente troppo puntigliosa, per poi assestarsi in un controllo dei passaggi più importanti della vita amministrativa. Il rapporto tra Maggioranza ed Opposizione è mediocre, ancor peggio tra il Sindaco e il Capogruppo di minoranza.
Vediamo le valutazioni:

Barretta Angelo  (Sindaco): ha conservato intatta la sua popolarità grazie alla sua capacità comunicativa ( molto più populista di quanto egli stesso pensi). Ha sofferto “solo” gli attacchi sul Consorzio Aurunco di Bonifica. E’ partito pieno di ottimismo e volontà, ora appare più preoccupato, segno di qualche crepa che inizia ad essere visibile.
Voto 6,5

Sorgente Franco (assessore): volenteroso e pacato, ha cercato di barcamenarsi tra le tante situazioni con ragionevolezza.
Voto 6

Russo Alexia (assessore): giovane e piena di iniziativa, si è fatta subito apprezzare dai cittadini per la semplicità ed umiltà.
Voto 7

Lauretano Francesco (assessore): il braccio amministrativo del Gruppo Mascolo, è rimasto spesso nell’ombra ma la sua influenza è ancora piuttosto forte nelle scelte economiche.
Voto 5,5

Iovine Giovanni (assessore): un caterpillar elettorale, ma anche un assessore concreto e discreto con le tante opere messe in cantiere.
Voto 7,5

Marchegiano Antonietta (assessore): è stata poco fortunata a causa dei problemi dell’Ambito C03 e della presenza in opposizione di una avversaria, Rossella Cappabianca, che l’ha messa spesso in difficoltà.
Voto 4,5

Open