Cellole – Coltiva canapa nell’orto, 36enne arrestato dalla Polizia

EVENTI IN EVIDENZA

La Polizia di Stato di Caserta ha denunciato V.S., 36enne di Cellole per coltivazione di sostanze stupefacenti. Gli agenti del Commissariato di P.S. di Sessa Aurunca, a seguito di attività info – investigativa, nella mattinata di ieri sono intervenuti presso un’ abitazione di Cellole nel cui orto era stata avviata una coltivazione di canapa indiana. Nel giardino i poliziotti hanno trovato alcune piante di canapa indiana dell’ altezza di circa 2 metri piantumate in vasi , mentre una grossa pianta con un fusto di tre metri e particolarmente rigogliosa, era stata seminata tra gli alberi e gli ortaggi del giardino. Tutte le piante che si presentavano in piena maturazione e con profusione di infiorescenze, sono state espiantate e sequestrate per la successiva distruzione mentre l’uomo è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria.

arresto-polizia-1

 

 

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.