• Sab. Mag 21st, 2022

Cellole. Convegno su un tema coraggioso: disabilità e diritto alla sessualità

Ieri il convegno “L’indipendenza emotiva, affettiva e sessuale del disabile”

L’incontro è stato promosso dal Centro Insieme, in collaborazione con l’amministrazione Comunale ed il consorzio Nestore

CELLOLE. Si è svolto ieri pomeriggio a Cellole il convegno promosso dal Centro Diurno Polifunzionale “Insieme”, gestito dal consorzio Nestore, dal titolo “L’indipendenza emotiva, affettiva e sessuale del disabile”.

Ha moderato l’evento la dott.ssa Luciana Lucca. Sono intervenute per i saluti istituzionali la sindaca Cristina Compasso e l’assessore alle Politiche Sociali Antonietta Marchegiano. Presente in sala, la dott.ssa Letizia Tari, responsabile del Centro per l’Impiego, genitori, operatori, utenti e diversi cittadini. Ha introdotto la dott.ssa Lia De Andreis, coordinatrice del centro diurno, a cui è seguito l’intervento del neurologo dr. Giovanni Saladino che ha parlato del piacere a livello cognitivo.

Il presidente del comitato LoveGiver per l’assistenza sessuale in Italia, Maximiliano Ulivieri, ha raccontato le innumerevoli richieste che gli giungono per l’assistenza sessuale, presente già in svariati paesi come Olanda, Germania, Svizzera.

La filosofa e operatore all’emotività affettività e sessualità (OEAS) dott.ssa Anna Pierobon, risultata idonea al corso formativo di 200 ore, ha relazionato sui casi pratici che segue. La docente dell’Alberghiero di Cellole Rosalba Fiorillo, ha riportato la sua esperienza nelle scuole. Interessante intervento dello psicologo clinico dr. Eugenio Di Florio. Toccante, infine, la testimonianza della madre di un utente del centro diurno “Progetto insieme”.

Un tema difficile, un po’ per un falso pudore diffuso, un po’ per pregiudizi e paure, presentato coraggiosamente dal Centro Insieme, in collaborazione con l’amministrazione Comunale ed il consorzio Nestore.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru