Cellole. Intervista a Cerrito. Idee e prospettive per il rilancio di Baia Domizia - V-news.it

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

10 agosto 2018

Cellole. Intervista a Cerrito. Idee e prospettive per il rilancio di Baia Domizia

Dopo la “Catena Umana” realizzata sabato scorso sulle spiagge di Baia Domizia e Baia Felice , con la presenza di piccoli proprietari,

villeggianti, operatori turistico-commerciali e cittadini del territorio, intervistiamo  il promotore dell’Evento,

Gaetano Cerrito, noto personaggio di eventi, cultura,spettacolo e iniziative sociali,  per capire quali possono essere le prospettive di rilancio delle due località turistiche e di riflesso della Terra Aurunca.


Cerrito, quali sono le priorità per rilanciare Baia Domizia e Baia Felice?

Occorrono iniziative e progetti di grande respiro, capaci di ridare vitalità al turismo, al commercio, all’agricoltura, all’artigianato.

Come raggiungere questi obiettivi.

Lo dico da tanti anni… credo sia necessario e da subito, creare i presupposti, attraverso un manager del Turismo di spessore nazionale ed internazionale, che affianchi una squadra di nostri giovani e insegni loro come fare turismo in Italia e nel mondo. Non di meno un esperto per le esportazioni dei nostri prodotti agroalimentari e commerciali in Italia e all’estero, anche a mezzo di un blog interattivo che metta in luce nel mondo, tutte le nostre bellezze paesaggistiche, le nostre ricchezze di arte, storia, cultura e prodotti enogastronomici, con percorsi itineranti organizzati.

Quali le altre priorità necessarie al rilancio?

Rafforzare l’organizzazione sanitaria, l’ordine e la sicurezza pubblica a favore dei cittadini e dei villeggianti, riorganizzare la raccolta dei rifiuti, dello spazzamento delle strade , il verde attrezzato, il riordino dei marciapiedi e della pubblica illuminazione, la pulizia dei canali consortili e comunali, il buon funzionamento della condotta delle acque reflue, una rivisitazione di tutto il sistema fognario del territorio, per avere un mare ancora migliore e stabile, ed ancora un servizio efficiente con navette bus che colleghino Baia Sud con Cellole, Stazione Ferroviaria di Sessa e la città di Roccamonfina, per un turismo “mare/monti” .

Cerrito, in altre realtà turistiche, si punta molto su cultura, eventi e spettacolo. Qual è la sua idea?

E’ necessario dar vita ad un programma strategico, rivolto agli Eventi di cultura, sport, sociale e tutto ciò che fa spettacolo di grande rilievo, facendo riemergere, “i saperi e i sapori” della nostra bellissima terra. Vogliamo e dobbiamo essere una comunità efficiente, organizzata e trasparente per cambiare ed offrire lavoro e serenità alla nostra gente.


Non è così , oggi , da parte delle amministrazioni locali?

Sabato scorso nel visitare i lidi per la “Catena Umana”, ho visto con molto dolore, cartelli con programmi artistico/culturali di Gaeta ed altre realtà .. mentre io ho sempre attratto un pubblico di qualità, proprio da Gaeta, Sperlonga, San Felice Circeo e dalle stesse isole del Golfo, con i più grandi nomi del Cinema,della Cultura, dello Spettacolo, del Teatro e della Scienza, con una seria ed articolata programmazione stagionale che iniziava a Giugno e finiva ad Ottobre.

E’ chiaro che per realizzare tutto questo e far rinascere Baia Domizia, Baia Felice, Cellole, Sessa, credo ci sia bisogno di persone giuste al posto giusto nel rispetto della trasparenza e della meritocrazia, con un definitivo stop alle improvvisazioni che non servono a niente e a nessuno.

Commenta

Loading...
Demelza Marotta

Demelza Marotta nata a Napoli il 21 Maggio 1981 residente a Sessa Aurunca . Iscritta all’ordine dei giornalisti pubblicisti Odg Campania. Tirocinio formativo attestato Stage presso il Comune di Sessa Aurunca, promosso dall’Oescmi di Gaeta e Centro Informagiovani del Comune di Sessa Aurunca. Qualifica del Ket presso la British School di Formia. Ecdl. Laurea presso in Scienze della Comunicazione, indirizzo Comunicazioni di massa conseguita presso La SAPIENZA di Roma. Diplomata Liceo Classico.

Open