Sab. Mag 30th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Cellole/Sessa Aurunca. Baia Domizia, si spera nell’apertura delle attività commerciali per Pasquetta

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

CELLOLE/SESSA AURUNCA. Delusi, nello scorso finesettimana, quei turisti e villeggianti, che – anche fidandosi della buona programmazione dei sindaci di Cellole e Sessa Aurunca – hanno affollato la zona mare approfittando della gradevole temperatura.

Hanno trovato tutto come sempre regolarmente chiuso. Attività commerciali, ristoranti, bar, pizzerie  non in funzione. Anche i vari lidi non avevano ancora iniziato i lavori preparatori per l’anticipata stagione balneare mentre carente anche la vigilanza, compreso quella privata. Fortunatamente, le strade di Baia Domizia Sud già erano ripulite mentre il verde era sistemato come ogni anno, grazie all’impegno del sindaco Barretta, come è stato constatato dai vari delegati zonali della Confederazione Cisas.

Buona la notizia che il mare di Baia Domizia continua sempre a migliorare e ad essere sempre più balneabile, tranne – al momento – la foce del Garigliano, ove il mare dovrebbe ritornare ad essere come alcuni decenni fa grazie ai 4 depuratori che, nel prossimo anno dovrebbero entrare in funzione nella zona casertana del fiume.

Sempre grazie all’impegno dichiarato dei sindaci, parecchi villeggianti dovrebbero passare lietamente, anche con famiglie ed ospiti, le giornate della Pasquetta in Baia Domizia.

A tale proposito, la Segreteria della Cisas si augura che – almeno in quei giorni – una parte delle attività commerciali sia in funzione e che almeno nei futuri fine settimana, le varie attività siano effettivamente aperte per consentire la permanenza degli ospiti, che viceversa sarebbero costretti di nuovo a recarsi nei vicini comuni, ove i servizi per i cittadini sono sempre in funzione.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Open

Close