NewsPoliticaRoccamonfina

Cestrone vs Montefusco: “Un uomo vale quanto la sua parola”

L’ex consigliere comunale replica alle parole di Montefusco e chiede il rispetto del patto elettorale

Cestrone vs Montefusco, parole al vetriolo all’indirizzo del primo cittadino “colpevole” di non aver rispettato l’accordo

ROCCAMONFINA – Cestrone vs Montefusco, prosegue la diatriba politica sul mancato rispetto dell’accordo elettorale. In mattinata l’ex consigliere di opposizione e Segretario cittadino del PD – Partito Democratico Michele Cestrone ha diffuso un durissimo comunicato nel quale replica alle recenti parole del sindaco che solo pochi giorni fa era intervenuto in merito al patto sottoscritto proprio con Cestrone prima delle scorse elezioni amministrative.

Com’è noto l’accordo politico sottoscritto tra Montefusco e Cestrone prevedeva la mancata presentazione della lista elettorale da parte della compagine di Cestrone e dell’ex sindaco Ludovico Feole in cambio dell’ingresso in Giunta comunale dello stesso Cestrone e la riconferma presso l’Ente Idrico Campano dell’ex primo cittadino Feole. Poichè anche l’altro gruppo di opposizione riferibile all’ex sindaco Letizia Tari non presentò comunque una propria lista elettorale, l’amministrazione uscente riuscì a farsi rieleggere superando il quorum previsto quando una sola lista viene presentata grazie anche ai voti della compagine Cestrone-Feole.

Michele Cestrone

A distanza di mesi però l’accordo elettorale non è stato poi realizzato e per nessuno dei due politici sono scattate le nomine previste dallo stesso. Durissime le parole di Cestrone che attacca senza mezzi termini il sindaco Carlo Montefusco invitandolo a rispettare l’accordo sottoscritto o rassegnare le dimissioni. Ecco la nota di Michele Cestrone per un duello Cestrone vs Montefusco destinato a tenere banco ancora a lungo nella comunità di Roccamonfina: “

ALL’INGENUO BUGIARDO…

Prima della verità esiste la dignità. ‘Un uomo vale quanto la sua parola’.

Avevamo chiesto una risposta PUBBLICA al Sindaco Montefusco in merito all’accordo politico sottoscritto, prima delle elezioni comunali dello scorso 20 settembre 2020, con la Lista da me rappresentata ‘Roccamonfina in Comune’, accordo che è di dominio pubblico e che abbiamo pubblicato in allegato al precedente comunicato del 18 aprile 2021.

Il nostro unico obiettivo è quello di far conoscere alla nostra Comunità la VERITÀ in merito alla mancata presentazione della nostra lista ed il comportamento inspiegabile tenuto dal Sindaco Montefusco dopo essersi assicurato il risultato elettorale. Un accordo che, a differenza di quanto fatto dal Sindaco Montefusco, da parte nostra non è stato mai taciuto e mai nascosto (vedi comunicati) neanche prima della competizione elettorale, in segno di onestà, trasparenza e rispetto della comunità e del nostro elettorato.

Per cui caro Sindaco, di cosa ti sei sorpreso la sera in occasione del tuo ultimo comizio? Quale sarebbe stata la destabilizzazione ordita nei tuoi confronti rispetto all’uscita di un accordo che tu già conoscevi e che avevi sottoscritto con la tua firma? Una sceneggiata degna del Nobel.

Il sindaco di Roccamonfina Carlo Montefusco

Ti rinfreschiamo la memoria.

Non vi era nessuna intesa tra le opposizioni come hai voluto far credere ai cittadini, bensì solo la tua “nobile” furbizia di poter arrivare alle elezioni con la sicurezza di vincere a mani basse senza avversari. Tu, riconfermato sindaco, e tutti salvi quelli candidati con te in lista. Sicurezza che ti eri assicurato, il giorno prima della scadenza della presentazione della lista, andando a Teano a stringere patti e vantare promesse, e successivamente, sottoscrivendo l’accordo con me che tuttora resta disatteso. Il tuo piano “diabolico” era studiato nei minimi termini.  Non sei così sprovveduto come vuoi apparire. Qualcosa però è andato storto.

Dovete sapere, cari lettori, che in questi mesi sono state tante le telefonate e i messaggi senza senso indirizzati al sottoscritto. Telefonate piene di ipotesi astruse, di promesse di incarichi, di sotterfugi, di proposte di “contentini” vari in sostituzione dell’accordo, perché il “bugiardo” non era intenzionato a mantenere fede ai patti sottoscritti ed io, secondo le sue trame, avrei dovuto accontentarmi di qualcosa di diverso.

Fatta questa doverosa premessa, il sindaco ha preferito dare una risposta sui social che è apparsa una sorta di “tirare il pallone in tribuna” per tentare di confondere l’intelligenza degli ignari cittadini con una serie smisurata di bugie, così come è abituato fare evidentemente nel suo comportamento quotidiano. Oltre che bugiardi non si può essere, però, anche smemorati. Perché?

Caro rieletto Sindaco, grazie anche ai voti dei nostri elettori scaturiti dal nostro accordo, tu:

1 – hai mentito ai tuoi candidati rispetto agli accordi sottoscritti con noi;
2 – hai mentito ai cittadini volendo fino alla fine nascondere questo accordo per salvare la faccia con i tuoi candidati ed il tuo elettorato;
3 – hai mentito alle controparti politiche ed a tutti i loro elettori perché attraverso questo accordo ti sei fatto votare e rieleggere raggiungendo così il quorum, in modo ignobile;
4 – stai continuando a mentire nascondendo la verità ai cittadini calpestando la dignità mia (firmatario con te del nostro accordo) e delle altri controparti politiche del paese.

Caro finto ingenuo, bugiardo…

Le domande le rinnoviamo:

  • Come mai, ad oggi, non hai mantenuto l’accordo sottoscritto?
  • Hai intenzione di onorarlo?
  • Che significato ha, per te, la sottoscrizione di un accordo politico?
  • Quanto vale la tua firma? Quindi, quanto vale la tua parola?

A queste domande precise non c’è risposta e non ci potrà mai essere da parte di chi ha fatto della menzogna e della negazione il suo agire politico.

Il Sindaco Montefusco (finto ingenuo) preferisce confondere l’opinione pubblica con falsi argomenti strumentali, degni del suo spessore che abbiamo avuto modo di verificare in quasi sei anni di vita politica e amministrativa. Un sindaco che viene tenuto sulla graticola e che non gode di autonomia decisionale, costretto ad azzerare la Giunta dopo pochi mesi e a rassegnare finte dimissioni, scritte ma mai protocollate.

Abbiamo accettato le tue insistenti richieste, manifestate tra Teano e Roccamonfina, di offrire posti in Giunta per una collaborazione e per la presentazione di un’unica lista. Abbiamo accettato di seguire le tue indicazioni anche rispetto alla scelta del candidato a Consigliere comunale da sostenere.

Ha dimenticato tutto, l’INGENUO; meno male, però, che la nostra pignoleria ci ha spinti a conservare documenti ed interlocuzioni da cui il BUGIARDO non potrà sfuggire. Siamo fortemente preoccupati del futuro della nostra Comunità, rappresentate da un “primo cittadino” che, per accordo politico e lealtà, abbiamo sostenuto e che, successivamente, ha ampiamente dimostrato di essere inaffidabile, bugiardo e che utilizza furberie, tutti i giorni, per rimanere a galla e salvare solo la propria immagine.

l’accordo politico sottoscritto tra Cestrone e Montefusco

Il mancato rispetto dell’impegno sottoscritto con propria firma rappresenta una pagina nera della storia politica di Roccamonfina. Ciò che sta accadendo nella Casa Comunale è la dimostrazione dello sfascio istituzionale e politico di Roccamonfina, che sta diventando oggetto di scherno in tutta la Provincia di Caserta ed anche oltre.

Quest’ultimo è un argomento che va trattato con dovizia di particolari. Ed è nostro dovere di cittadini farlo. Chiediamo risposte alle domande che abbiamo formulato, nel rispetto di tutto quanto concordato e sottoscritto e che, oggi, il Sindaco dimostra di voler disconoscere.

Restiamo dell’idea che solo dalla collaborazione possano nascere buone idee per Roccamonfina. Una collaborazione che non abbiamo mai fatto mancare all’ingenuo e smemorato sindaco, anche in sede di approvazione di bilanci o per il raggiungimento del numero legale delle adunanze consiliari degli anni scorsi.

Speriamo ancora in un RAVVEDIMENTO, la VERITÀ (completa) serve a tutto il popolo roccano. E chi pensa di saper guidare la Comunità dovrebbe avere maggiore interesse di tutti, perché il ruolo ricoperto impone il rispetto per quei cittadini elettori che si sono recati alle urne il 20 settembre 2020, in una situazione di incertezza, lo hanno votato ed hanno contribuito al raggiungimento del quorum, a parte le favole che egli, con mala fede, ci vuole raccontare.

RISPONDICI PRESTO, ALTRIMENTI ABBI L’ONESTÀ INTELLETTUALE DI RASSEGNARE DIMISSIONI VERE, NON QUELLE CHE HAI GIÀ FINTO DI PRESENTARE”.

Michele Cestrone,
Gruppo “Roccamonfina in Comune”  

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Vincenzo Mario
Giornalista Pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania. Vicedirettore e Redattore di V-news.it. In oltre 15 anni di professione vanta numerose collaborazioni con i principali quotidiani cartacei e online di Terra di Lavoro ed esperienze in emittenti televisive e radiofoniche. Tra le principali esperienze e collaborazioni spiccano: giornalista e fotoreporter per “Il Giornale di Caserta” e inviato per “TRM – TeleradioMatese” - Gruppo “Lunaset”, corrispondente e Redattore per la "Nuova Gazzetta di Caserta", giornalista per il mensile “Fresco di Stampa”, giornalista radiofonico e speaker, curatore del Notiziario campano per RCS – Radio Circuito Solare,

    Comments are closed.