Sab. Ago 24th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Conca della Campania. “La Madonna dei Nodi”, la città invasa dai fedeli. Si parla già di un miracolo e di un Santuario da dedicarle

5 min read

 

Quanto sta accadendo a Conca della Campania nelle ultime settimane sta suscitando davvero grande clamore. Com’è noto lo scorso mese la bella chiesa locale intitolata a San Pietro Apostolo ha ospitato la sacra immagine della cosiddetta “Madonna che scioglie i Nodi” (detta anche “Madonna dei Nodi”). In occasione dell’arrivo e della permanenza della sacra effige in città, l’emittente televisiva TV 2000, la tv ufficiale della CEI – Comunità Episcopale Italiana, con la collaborazione della comunità parrocchiale locale e del parroco Don Davide Volo, ha effettuato la trasmissione in diretta del Santo Rosario recitato in devozione alla Madonna dei Nodi. Le dirette sono state seguite da migliaia di fedeli in tutto il Mondo e tanti fedeli hanno deciso di raggiungere il piccolo centro dell’Alto casertano per vedere e pregare dinanzi alla sacra immagine della Madonna. Decine e decine di Pullman ogni giorno arrivano a Conca della Campania provenienti da ogni parte d’Italia e anche dall’estero (Francia in particolare). Il culto della Madonna, già presente ma debole, si è rapidamente diffuso in tutta la zona grazie anche ad una “notizia” molto importante. Fonti non ancora ufficiali infatti parlano di un miracolo avvenuto ad un uomo che si è recato a pregare la Madonna dei Nodi a Conca della Campania. La notizia ha subito suscitato grande scalpore in tutto l’Alto casertano. Sarebbero in corso le verifiche del caso e com’è noto l’iter per accertare o meno un miracolo è molto lungo. Se molti esultano per la notizia altri dimostrano scetticismo in attesa di ulteriori sviluppi. Intanto i fedeli a migliaia giungono a Conca della Campania dove si sta già pensando di dedicare un “Santuario alla Madonna che scioglie i nodi”. Cresce di conseguenza anche l’attenzione mediatica sul piccolo centro campano, visto il forte interesse in merito alla vicenda. La storia del culto della Madonna dei nodi ha origini lontane e lo stesso è corroborato dal fatto che è anche definito “il culto di Papa Bergoglio“. Il Papa infatti nei decenni scorsi è stato uno dei protagonisti della diffusione del culto in particolar modo in America latina. “Nel ‘700, in Germania, il pittore Johann Melchior Schmidtner dipinse un quadro che rappresentava Maria mentre scioglieva i nodi di un nastro. Si trattava molto probabilmente del “nastro matrimoniale” di una coppia che aveva evitato il divorzio. Alla base del dipinto, l’arcangelo Raffaele conduce Tobia verso Sara, la sua futura sposa. Questo quadro si trova ad Asburgo, vicino a Monaco, nella chiesa di St. Peter am Perlach ed è tuttora esposto. Nel corso dei secoli si perde il significato coniugale del quadro, ma la devozione popolare del luogo, molto viva, conserva l’essenza della simbologia e nasce l’appellativo “Maria Knotenlöserin” cioè Maria, colei che scioglie i nodi (…). Nel 1986 Papa Francesco, allora semplice sacerdote gesuita, si trovava in Germania per la sua tesi di dottorato. Durante uno dei suoi numerosi viaggi di studio a Ingolstadt, vide nella chiesa di Sankt Peter l’immagine della Vergine che scioglie i nodi e se ne innamorò all’istante. Ne rimase talmente colpito da portare alcune riproduzioni a Buenos Aires che cominciò a distribuire ai sacerdoti e ai fedeli, incontrando grande rispondenza. Un delle immagini venne esposta nell’Università El Salvador. Ed è proprio da qui che cominciò la diffusione della nuova devozione. Divenuto poi vescovo ausiliare di Buenos Aires, padre Jorge Mario Bergoglio ne consolidò il culto, continuando a inaugurare cappelle in suo onore e a servirsi dell’immagine anche come personale biglietto da visita, inserendola – insieme a un’immagine di San Giuseppe – nella sua corrispondenza. Con la stessa immagine faceva gli auguri di Natale, di Pasqua. È stata l’immagine che ha usato come ricordino da distribuire il giorno della sua ordinazione episcopale. Monsignor Bergoglio proseguì sempre instancabilmente nella sua opera di diffusione di questa devozione, dando il proprio imprimatur alla pubblicazione della “Preghiera a Maria che scioglie i nodi”. (il passaggio è tratto dal sito della comunità parrocchiale locale www.comunitaconcadellacampania.it ). Una storia, quella della Madonna dei Nodi che dunque sta assumendo significati e contorni sempre più importanti. L’eco di queste vicende ormai è di levatura nazionale e non solo e vedono Conca della Campania quale palcoscenico. In poco tempo la chiesa di San Pietro Apostolo situata nel cuore del piccolo centro  è divenuta una meta importante per migliaia di pellegrini e devoti alla “Madonna che scioglie i nodi”. Non resta che attendere sviluppi in merito alla questione del presunto miracolo (la preghiera alla Madonna dei nodi avrebbe particolare efficacia verso coloro che hanno problemi di salute, lavoro o difficoltà familiari e spirituali) e circa l’intitolazione di un Santuario in suo onore a Conca della Campania. Ulteriori informazioni sulla Madonna dei nodi e sull funzioni religiose ad Essa dedicate in Conca della Campania sono reperibili sui siti web www.comunitaconcadellacampania.it (sito ufficiale della Comunità Interparrocchiale locale),  http://madonnachescioglieinodi.it/ , e sulla pagina Facebook “Comunità Interparrocchiale di Conca della Campania”.

Chiesa San Pietro Apostolo – Conca della Campania

 

Di seguito il testo della preghiera alla “Madonna che scioglie i nodi”:

Vergine Maria, Madre che non hai mai abbandonato un figliolo che grida aiuto,

Madre le cui mani lavorano senza sosta per i tuoi figli tanto amati,

perchè sono spinte dall’amore divino e dall’infinita misericordia che esce dal tuo cuore,

volgi verso di me il tuo sguardo pieno di compassione,

guarda il cumulo di ‘nodi’ che soffocano la mia vita.

Tu conosci la mia disperazione e il mio dolore.

Sai quanto mi paralizzano questi nodi e li ripongo tutti nelle tue mani.

Nessuno, neanche il demonio, può sottrarmi dal tuo aiuto misericordioso.

Nelle tue mani non c’è un nodo che non sia sciolto.

Vergine madre, con la grazia e il tuo potere d’intercessione presso tuo Figlio Gesù,

mio Salvatore, ricevi oggi questo ‘nodo’ (nominarlo se possibile).

Per la gloria di Dio ti chiedo di scioglierlo e di scioglierlo per sempre.

Spero in te.

Sei l’unica consolatrice che il Padre mi ha dato.

Sei la fortezza delle mie deboli forze, la ricchezza delle mie miserie,

la liberazione da tutto ciò che m’impedisce di essere con Cristo.

Accogli la mia richiesta.

Preservami, guidami, proteggimi.

Sii il mio rifugio.

Maria, che sciogli i nodi, prega per me.

 

Ecco in basso alcuni video delle riprese televisive effettuate da TV 2000 nelle scorse settimane e circa la storia del culto della Madonna che scioglie i nodi”

 

LEGGI ANCHE:

Conca della Campania – Tutto pronto per il Mercatino di Natale, sabato e domenica l’evento. Il video

Conca della Campania – Rifugio dell’Ente Parco, via ai lavori di recupero. Convenzione col Club Alpino

Potrebbe interessarti

Open