• Gio. Ott 28th, 2021

L’ultimo bollettino fornito dalla protezione civile. L’Iss pensa a una nuova opportunità per fronteggiare il coronavirus

Sono 2.263 i malati per coronavirus in Italia, con un incremento di 428 persone rispetto a ieri e 79 i morti, 27 in più. Il nuovo dato è stato fornito dal commissario Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla protezione civile. A questi vanno aggiunti i 160 guariti (11 in più rispetto a lunedì). 

“Stiamo valutando l’opportunità di estendere la zona rossa sulla base di alcuni criteri epidemiologici, geografici e di fattibilità della misura”. Lo ha detto il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, nella conferenza stampa alla protezione civile parlando dell’area del Bergamasco. “Stiamo analizzando con la Lombardia con grande attenzione su nuovi casi per Comuni della cintura bergamasca e stiamo vedendo con i dati d’incidenza e in base ai tassi di riproduzione del virus”.

Il ministero “ci ha comunicato che consentirà di assumere gli infermieri neolaureati prima dell’iscrizione all’albo”: lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, spiegando che il provvedimento “ci permetterà di assumere 350 infermieri da immettere a metà marzo”. Riferendosi alle persone over 65, sempre Gallera ha dichiarato : “Saranno fatte azioni informative con volantini e locandine per invitare a stare al proprio domicilio le persone con più di 65 anni per le prossime due o tre settimane”.

A livello globale “vi sono ora un totale di 90.893 casi segnalati di Covid-19 e 3.110 decessi. A fornire il dato è il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Il dg dell’Oms ha anche aggiunto: “Siamo preoccupati che le capacità dei Paesi di reagire” al coronavirus “siano compromesse dalla grave e crescente interruzione della fornitura globale di dispositivi di protezione individuale, causata dall’aumento della domanda, dagli accaparramenti e dagli abusi. Mancano “guanti, maschere mediche, respiratori, occhiali protettivi, visiere, abiti e grembiuli”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale