CoronavirusCronacaNewsPagina NazionaleSanità

Coronavirus, oltre 8 milioni di casi nel mondo: quasi 437mila morti

Negli Usa più di 50mila vittime in strutture per anziani. In Cina altre decine di contagi a Pechino

Sono oltre 8 milioni (8.034.461) i casi di coronavirus nel mondo e 436.901 i morti. Sono i dati forniti dalla Johns Hopkins University. Gli Stati Uniti sono il Paese più colpito con 2.114.026 contagiati e 116.127 deceduti, a seguire il Brasile con 888.271 malati e 43.959 vittime.

Usa, 385 morti nelle ultime 24 ore

Per il secondo giorno consecutivo, gli Stati Uniti hanno registrato meno di 400 decessi per il Covid-19 nelle ultime 24 ore. Secondo l’ultimo bilancio della Johns Hopkins University, le vittime confermate sono infatti 385, dopo le 382 di ieri che hanno segnato il livello più basso dalla fine di marzo. Il totale dei decessi per il coronavirus nel Paese è ora di 116.114, mentre oltre 2,1 milioni di persone sono state contagiate.

Negli Stati Uniti, solo nelle case di cura o in altre strutture per anziani sono morte 50mila persone a causa del coronavirus. E’ quanto emerge da un’analisi del Wall Street Journal. Considerando che negli Usa i morti da Covid-19 sono stati finora 116mila, oltre il 40% dei decessi riguarda persone che vivevano in una struttura per anziani.

Il sindaco di Pechino: “La situazione è estremamente grave”

A Pechino sono stati registrati altri 40 casi di coronavirus, con il totale dei contagi che supera quota cento in cinque giorni. Almeno 29 comunità locali della capitale cinese sono in lockdown, intorno a due mercati. In tutto sono circa 90mila le persone interessate su una popolazione di oltre 21 milioni di persone

La situazione dell’epidemia di coronavirus a Pechino è “estremamente grave”. Lo ha detto il sindaco della capitale cinese, dopo i nuovi dati dei contagi legati al cluster del principale mercato ortofrutticolo, lo Xinfadi, ormai saliti a 106. Pechino è impegnata “in una corsa contro il tempo”, ha aggiunto il primo cittadino. La metropoli deve “essere sempre un passo avanti rispetto all’epidemia e prendere le misure più rigide”.

In Nuova Zelanda due nuovi casi dopo più di 3 settimane

La Nuova Zelanda non è più Covid-free. Dopo oltre tre settimane senza nuovi contagi, il Paese ha registrato due nuovi casi di coronavirus. Si tratta di due donne, arrivate da Londra per fare visita a un parente in fin di vita. Alle due donne era stata concessa un’esenzione per lasciare la quarantena per motivi personali, prima che venissero sottoposte a test, e hanno viaggiato da Auckland a Wellington in auto. Fino a oggi, la Nuova Zelanda non solo era rimasta per più tre settimane senza nuovi casi ma aveva anche fatto sapere che tutti coloro che avevano contratto il virus si erano ripresi (tolti i 22 morti registrati nel Paese).

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.