• Mer. Ott 27th, 2021

Cosa sappiamo della sparatoria a San Bernardino

DiThomas Scalera

Dic 3, 2015
Poliziotti a San Bernardino, in California, il 2 dicembre 2015. (Mario Anzuoni, Reuters/Contrasto)
Poliziotti a San Bernardino, in California, il 2 dicembre 2015. (Mario Anzuoni, Reuters/Contrasto)

Il 2 dicembre una sparatoria a San Bernardino, in California, ha causato 16 morti, tra cui i due aggressori, e 17 feriti. Ecco cosa sappiamo finora della vicenda:

  • Verso le 11 (le 20 in Italia) un uomo e una donna, Syed Rizwan Farook, 28 anni e Tashfeen Malik, 27 anni, sono entrati nell’Inland regional center, un centro per l’assistenza alle persone disabili, armati con fucili d’assalto e pistole semiautomatiche. Hanno aperto il fuoco e ucciso 14 persone. Le vittime non sono state ancora identificate.
  • Dopo la sparatoria, i due sospetti sono fuggiti a bordo di un suv. La polizia li ha raggiunti quattro ore dopo nella vicina città di Redlands. Nella sparatoria che è seguita Farook e Malik sono morti e un agente è rimasto ferito. I due aggressori erano sposati, stando a testimonianze raccolte dalle forze dell’ordine.
  • Una terza persona è stata arrestata ma non è chiaro se sia coinvolta oppure no nell’attacco.
  • Syed Rizwan Farook, cittadino statunitense e ispettore ambientale, aveva lavoratoper cinque anni al dipartimento della salute della contea di San Bernardino. La mattina del 2 dicembre aveva partecipato a una festa nell’Inland regional center e, secondo alcuni testimoni, se n’era andato “arrabbiato” dopo un litigio, prima di tornare armato insieme a Malik.
  • Le forze dell’ordine sostengono che l’attacco era pianificato e hanno trovato alcune bombe artigianali dentro l’Inland regional center. Il capo della polizia di San Bernardino ha dichiarato: “Non abbiamo un movente. Non abbiamo informazioni sufficienti per dire che si tratti di terrorismo nel senso tradizionale del termine. Come minimo si tratta di un caso di terrorismo interno”.
  • Questa è la sparatoria più grave avvenuta in territorio statunitense dal massacro nella scuola Sandy Hook di Newtown, in Connecticut, avvenuto nel dicembre 2012.

Fonte: Internazionale

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru