CoronavirusCulturaEconomiaNewsPagina NazionalePolitica

Decreto Rilancio: nuove misure per cultura e turismo

La Camera dei Deputati, con 278 voti favorevoli, 187 contrari e 1 astenuto, dà l’ok definitivo al cosiddetto Decreto Rilancio. Un provvedimento che vale circa 55 miliardi di euro. Il testo passa ora al Senato per la seconda lettura prima di essere convertito definitivamente in legge.

Il Decreto messo in campo dal Governo contiene tante misure a favore della cultura, del turismo, dello spettacolo e degli eventi. Tutti gli operatori del settore, infatti, stanno vivendo una profondissima crisi. La causa, si sa, è la sospensione forzata, per un periodo molto lungo, di tutti gli eventi di carattere culturale e di spettacolo, compresi quelli cinematografici e teatrali.

Tra gli interventi principali a favore della Cultura, contenuti nel Decreto, troviamo l’incremento dei fondi destinati al sostegno delle emergenze dei settori dello spettacolo, del cinema e dell’audiovisivo.

Per il 2021, se dovesse essere necessario, si prevede un ulteriore incremento (si parla già di 50 milioni di euro) di tali appositi fondi. Il FUS – Fondo Unico per lo Spettacolo – sarà salvaguardato e utilizzato in deroga alla disciplina generale. Sarà introdotta la possibilità che i fondi in esso contenuti siano utilizzati in vari modi. Anche per integrare le misure di sostegno del reddito dei dipendenti degli organismi dello spettacolo.

Si introduce, inoltre, la possibilità di prevedere una maggiore flessibilità nella ripartizione delle risorse destinate ai crediti di imposta per il cinema e l’audiovisivo. Ancora si istituisce il Fondo destinato al sostegno delle imprese e degli enti di produzione e distribuzione di spettacoli musicali. La dotazione iniziale sarà di 10 milioni.

Allo stesso modo si istituisce il Fondo per le emergenze delle imprese e istituzioni culturali. Qui la dotazione iniziale sarà però molto più cospicua, pari a 171,5 milioni. Il fondo farà da sostegno anche ai musei e degli altri istituti e luoghi della cultura non statali. Ma anche a alle librerie e all’intera filiera dell’editoria, inclusi le imprese e i lavoratori della filiera di produzione del libro.

Lo stesso Fondo servirà anche a coprire le perdite generate dall’annullamento, a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, di spettacoli, fiere, congressi e mostre

Per promuovere gli investimenti nel campo della tutela, conservazione, restauro, valorizzazione e digitalizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale si istituisce il Fondo cultura. La dotazione prevista è di 50 milioni.

Inoltre si estende l’Art Bonus, sotto forma di credito di imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura e dello spettacolo. Si autorizza, infine, una spesa di 10 milioni per la realizzazione di una piattaforma digitale per la fruizione del patrimonio culturale e degli spettacoli.

Per quanto riguarda il turismo si istituisce un fondo con una dotazione iniziale di 50 milioni al fine di sostenere il settore mediante operazioni di mercato. Si istituisce, inoltre, il Fondo specifico per la promozione del turismo in Italia. La dotazione prevista è di 20 milioni di euro.

Un apposito fondo sarà istituito per sostenere le agenzie di viaggio e i tour operator

Il Bonus vacanze è già attivo dal 1° luglio e consente di risparmiare fino a 500 sul costo della vacanza a tutti i nuclei familiari con ISEE non superiore a 40.000 euro. Inoltre viene abolito il pagamento della prima rata IMU per i possessori di immobili adibiti a stabilimenti balneari, agriturismi, villaggi turistici, ostelli della gioventù, campeggi, ecc.

Con questo Decreto il Governo sta facendo davvero un grande sforzo per sostenere cultura e turismo in Italia. I due rami spesso camminano a braccetto. Si equivalgono per certi aspetti e si sostengono a vicenda per altri. Speriamo che questi importanti interventi servano a rilanciare i due settori fondamentali per tutta l’economia del Paese.

Se l’emergenza sanitaria ed epidemiologica legata al corona virus dovesse cessare o comunque attenuarsi nel breve periodo, sicuramente l’Italia tornerà a farsi valere nel campo turistico e culturale. Questo il messaggio chiaro lanciato dalle istituzioni nazionali con il pacchetto di interventi messi in campo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Giuseppe Novi
Direttore dell'Istituto Nazionale Arte Cultura Spettacolo e Direttore Artistico di Eventi di rilevanza nazionale. http://www.inacs.it/direttore-artistico/

Comments are closed.