Mar. Mag 26th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Denunciò clan Rega: morto fioraio antiracket

2 min read
ennesima vittima del "sistema mafioso"
EVENTI IN EVIDENZA

“Non ce l’ha fatta Fortunato De Longis, 44 anni, venditore di fiori e lumini, ferito gravemente in un agguato davanti al cimitero cittadino.” Così esordisce l’articolo de “Il Mattino”, che prosegue: “L’uomo è morto, dopo un mese di agonia, all’ospedale Cardarelli. Fortunato, da tutti conosciuto come Francuccio, aveva denunciato, un anno fa, un tentativo di estorsione da parte di uomini vicino al clan Rega. De Longis fu ferito la mattina del 24 marzo, nel piazzale del cimitero, poco dopo il funerale del ventenne nipote del boss Tommaso Rega, un giovane estraneo ad ogni attività criminale che fu colpito da un virus mortale. In quell’occasione tra il fioraio e i parenti del ragazzo morto, stando ad alcune testimonianze dei suoi congiunti, sarebbe scoppiata una lite sedata dai presenti. Le indagini stanno cercando di verificare se tra i due episodi ci sia attinenza. Alle 13, poco dopo il corteo funebre, giunse una moto nei pressi del cimitero con due persone a bordo: una di loro sparò diversi colpi di pistola contro De Longis, che cadde a terra perdendo subito conoscenza. Nessuno allertò i carabinieri. La vittima fu accompagnata in ospedale, a Nola, con un mezzo privato. Furono i sanitari a denunciare alle forze dell’ordine ciò che era accaduto.” Un’altra vittima innocente. Un’altra vittima della mafia. Sarà vero 25 aprile solo quando debelleremo camorra, mafia, n’drangheta e tutti i politici che avallano il loro “metodo”.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close