Sab. Mag 30th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Depositi illegali di rifiuti e interramento di fusti tossici nelle province di Napoli, Caserta e Salerno

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Come riportato in modo preciso dall’Ansa, i finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nel corso di due distinti interventi, hanno sequestrato, rispettivamente, depositi di rifiuti speciali ed una discarica abusiva di materiali pericolosi e non. In particolare, nel comune di Striano (Napoli), i finanzieri del gruppo di Torre Annunziata hanno individuato un capannone dove erano stoccate balle di rifiuti costituiti da pellami, stracci di indumenti, calzature, borse, per un peso complessivo di oltre 278 tonnellate. Erano stati ammassati all’interno dei depositi senza alcuna autorizzazione amministrativa, nonché certificazione di prevenzione incendi; i tre responsabili sono stato denunciati. Nell’altro intervento, i finanzieri della compagnia di Castellammare di Stabia, hanno scoperto un fondo agricolo di oltre 18.600 mq, all’interno del Parco regionale dei Monti Lattari, dove erano state sversate oltre 250 tonnellate di rifiuti speciali e non, tra i quli amianto in tubi e lastre e parti di veicoli. Purtroppo non sembrano finire le usurpazioni di suolo. E nessun luogo ne è escluso: fondi agricoli, zone montuose, aree limitrofe a corsi d’acqua ed ogni possibile capannone sottratto al controllo delle forze dell’ordine perché ben nascosto. È stato ed è ancora uno dei business più grandi della nostra malavita, quello di sottrarre dal “regolare” percorso di smaltimento di rifiuti di ogni genere, da quelli “semplici” a quelli “speciali”, fino a quelli “pericolosi”, sembra essere diventato nel tempo un meccanismo per arricchire sempre di più le varie cosche senza scrupoli, dignità e nemmeno amor proprio per i propri figli. Una razza infame di gentaglia mai sazia, che nel voler arricchirsi non bada neanche alle conseguenze che infligge nei territori in cui vive. Un vero schifo, destinato a perdurare per via dei legami che tali soggetti hanno con la politica e la magistratura. Si sospettano aree a rischio anche nelle province limitrofe a quelle di Napoli e di Caserta. In special modo si indaga su diverse aree agricole od ex agricole nella provincia di Salerno, oggetto di sotterramenti di materiale pericoloso anche tossico tra la fine degli anni 80, e l’inizio degli anni 90.

Gricignano d’Aversa. Ecotransider, convocata la VII Commissione. Oliviero (PD): “Forse non ci siamo capiti!”

Orta di Atella. Tentò di uccidere il padre minacciando di far esplodere una bombola di gas: arrestato

 

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Open

Close