Mar. Giu 2nd, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Castel Volturno. Furti e borseggi sul litorale, alzano la voce i cittadini

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Situazione indecorosa, 20 le denunce

Due le donne aggredite in zona, tantissima la paura tra i turisti

CASTEL VOLTURNO. Furti, scippi e borseggi, oltre 20 denunce in pochi giorni. Turisti e residenti di Castel Volturno sotto scacco di bande di rom. L’ultimo episodio, ieri, sul lungomare tra Lido Scalzone e Lido Bernardino.

Una situazione indecorosa, secondo quanto riferito da AdnKronos una donna casertana 50enne, infatti, ha denunciato di essere stata aggredita e derubata da una coppia di nomadi. https://www.v-news.it/castel-volturno-armi-documenti-e-banconote-false-in-casa-arrestata-guardia-giurata/ I due scippatori, di origine rom, a bordo di un’auto Mercedes, hanno atteso che la donna scendesse per un secondo dall’auto per romperle il vetro del finestrino passeggeri e prendersi la borsa contenente soldi e documenti. https://www.v-news.it/arrestato-per-atti-osceni-53enne-francese/

Nella fuga un pedone stava per essere investito in pieno ed è stato costretto a ricorrere alle cure mediche. Un’altra anziana originaria di Aversa, invece, è stata scippata sotto casa. I proprietari dei lidi balneari protestano e chiedono ad alta voce come evidenzia ‘Casertanews’ ieri tutti “i maggiori controlli sulla sicurezza pubblica” perché sono stati costretti ad assumere parcheggiatori privati per controllare le auto dei turisti a causa dell’escalation di furti. Si chiede un maggior numero di forze dell’ordine per fronteggiare problemi vecchi e nuovi ed aumento di servizi con personale in abito civile al fine di sfruttare il fattore sorpresa.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close