Ven. Ott 18th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Dopo la Presentazione del libro “Operazione spartacus-la casalese” lo stop dell’Onorevole Andrea Caso

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Il Pentastellato attraverso la sua pagina Facebook contrasta ulteriori protezioni del film

“Come Stato, non possiamo stare alla finestra a guardare che passino messaggi romanzati o poetici su un clan”

A poche ore dalla presentazione del libro “La Casalese —Operazione Spartacus” della scrittrice e regista Antonella D’Agostino, dal quale è stato tratto l’omonimo film, prodotto dalla “ROXYL MUSICS&FIM” di Angelo Bardellino, la reazione della politica non ha tardato a farsi sentire. Durante la presentazione è stato anche proiettato, in anteprima assoluta, il trailer ufficiale della pellicola e questo ha creato dissenzi e malumori anche sul web.
Tra coloro che senza timore hanno espresso un netto diniego alla proiezione del film, l’On. pentastellato Andrea Caso che attraverso la sua pagina facebook dichiara:”STOP A PRESENTAZIONE LIBRO E FILM LA CASALESE. VAGLIEREMO CONTENUTI
“Non si può consentire al nipote di una famiglia che ha fatto la storia criminale del Paese di poter presentare come un cittadino qualsiasi un libro ed un film in un’area simbolo del potere economico dei casalesi nel basso Lazio, per questo motivo è stato doveroso intervenire” dichiara Andrea Caso, Portavoce del MoVimento 5 Stelle e componente della Commissione parlamentare Antimafia, che aggiunge “Fin da questa mattina sono stato contattato da associazioni antimafia ed antiracket, cittadini, sconcertati da questo evento in programma sul territorio laziale, mi sono dunque attivato presso la Procura di Cassino e favorito un’interlocuzione istituzionale per capire internamente, come intervenire subito, nel pomeriggio poi, la notizia che “l’altolà è in fase di ufficializzazione e arriva su input del Viminale, dopo le relazioni di prefettura e Forze dell’Ordine”.
La vicenda si riferisce alla presentazione del libro e del film “La Casalese”, prodotto Dalla “Roxyl Music&Film” di Angelo Bardellino in programma per martedì 26 marzo a Spigno Saturnia, in provincia di Latina.
“Ringrazio il Procuratore Capo di Cassino Luciano D’Emmanuele per essere intervenuto prontamente dopo esserci sentiti telefonicamente per un confronto. – continua Caso – Da membro della Commissione Antimafia convengo in nome di vittime di mafia ed economiche del sistema messo in piedi dai casalesi, che l’ultima cosa che si possa fare oggi, è mitizzarli con opere cinematografiche”.
“Sottoporremo il materiale audiovisivo in questione ad un attento esame del messaggio che intendono veicolare al pubblico. Come Stato, non possiamo stare alla finestra a guardare che passino messaggi romanzati o poetici su un clan tra i più potenti ed efferati d’Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open