• Lun. Ott 18th, 2021

Dragoni. Questione immigrati, il sindaco Lavornia: “Verificare prima l’agibilità della struttura”

DiThomas Scalera

Ott 14, 2015

calco_profughi5

DRAGONI. Altolà del Comune all’arrivo in tutta fretta di 25 immigrati presso villa De Pertis, l’ex albergo ubicato nel centro storico di San Giorgio che, nelle scorse settimane, la proprietà aveva candidato presso la Prefettura di Caserta per ospitare gli extracomunitari. Dopo giorni di silenzio durante i quali l’ufficio tecnico comunale ha avviato tutte le verifiche del caso sull’agibilità e sulla staticità della struttura, improvvisamente ieri mattina una telefonata dall’ufficio territoriale di Governo di Caserta ha avvisato il sindaco Silvio Lavornia che alle 9 di stamattina sarebbe arrivata la carovana di rifugiati politici da sistemare nell’edificio di proprietà della famiglia De Pertis.Nel contempo, il responsabile del settore Edilizia Privata del Municipio, Angelo De Simone, ha trasmesso al vice prefetto aggiunto Immacolata Fedele, dirigente dell’Area IV “Diritti civili, cittadinanza, condizione giuridica  dello straniero, immigrazione e diritto d’asilo” della Prefettura di Caserta, una nota nella quale tale ha ribadito che “in assenza delle opportune verifiche sismiche che a tutt’oggi non sono pervenute presso questo Ufficio, il fabbricato non può ritenersi agibile e pertanto pronto ad ospitare chiunque negli ambienti interni”. Lavornia ha cercato a più riprese di mettersi in contatto con la dirigente prefettizia Fedele per esporre la posizione che in questo momento vede l’Ente non favorevole all’arrivo degli extracomunitari e le ragioni di natura prettamente tecnica e giuridica che non consentono una così rapida allocazione di 25 rifugiati politici in un immobile su cui c’è più di un dubbio sulla sua sicurezza. “Sono rimasto meravigliato dai tempi affrettati con cui la Prefettura ha cercato di far arrivare nel nostro paese tanti extracomunitari. – spiega Lavornia – L’improvvisazione non porta mai a risultati positivi così come forzare la mano non genera certamente l’effetto sperato né negli enti istituzionali chiamati a collaborare nè nei cittadini, pertanto invito la Prefettura, che pure dovrebbe essere garante del rispetto delle regole, ad attendere la conclusione dell’intera procedura tecnico-amministrativa avviata dal nostro Comune per accertare se villa De Pertis è davvero agibile e sicura sismicamente. In caso positivo, ma solo allora, come ho detto dal primo momento, non ci sarà nessun ostacolo alla sistemazione degli extracomunitari nell’ex albergo, altrimenti non avalleremo operazioni illegittime né soluzioni tampone ai limiti della liceità”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru