• Dom. Ott 24th, 2021

Dragoni/Alife. Ponte Margherita ufficialmente chiuso, il Comitato: “Meno 19 giorni alla riapertura”

DiThomas Scalera

Mar 21, 2017

DRAGONI/ALIFE. Ponte Margherita ufficialmente chiuso. Dalle prime ore del mattino il Presidente facente funzioni Silvio Lavornia e una rappresentanza del Comitato Pro Ponte, si sono ritrovati alla rotonda in prossimità dell’ormai famoso Ponte Margherita, blindatissimo da Polizia Provinciale e Carabinieri. Si sono lasciati attendere, invece, i tecnici e la ditta che dovrà eseguire i lavori di puntellamento. L’unico intento del Comitato era stamattina solo quello di avere la garanzia di quanto diffuso in una nota dal Presidente facente funzioni Silvio Lavornia, e cioè che tra massimo 20 giorni il viadotto sarà riaperto al transito ad una corsia a 3,5 tonnellate.
“Alle 12:00 si è proceduto alla chiusura, – hanno dichiarato i componenti del Comitato che erano presenti – abbiamo avuto modo di assistere a qualche diatriba tra tecnici e Provincia ma il nostro unico obiettivo di questo momento è monitorare il loro operato e cominciare il conto alla rovescia. Stando alle dichiarazioni del Presidente Lavornia il 9 aprile saranno completati i lavori di puntellamento e dunque il 10 aprile noi, e quanti vorranno, saremo sul ponte per poi recarci al Comune di Dragoni e in Prefettura di Caserta nel caso in cui questa scadenza non venga rispettata. Si attende, dunque, la riapertura come preannunciata fermo restando che il Comitato rimane fermo sulle proprie convinzioni: cioè che il ponte si sarebbe potuto riaprire ufficialmente da subito ad una sola corsia, come dimostrato dalla società di Bolzano che ha rilasciato documentazione scritta dello stato di salute del ponte”. Sta di fatto che vedere un ponte che non si riapre ma, anzi, si richiude dopo 15 mesi di agonia è un’amara constatazione per chi ne subisce i danni, i cittadini.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru