Mar. Feb 18th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Duplice attentato alla sede Nato di Kabul: almeno 29 morti e 50 feriti

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Ancora morti, ancora vittime innocenti che si trovano al posto sbagliato nel momento. Ma soprattutto ancora attacchi Kamikaze a firma dell’Isis, in Afghanistan. L’attacco di stamattina, nei pressi dell’ambasciata statunitense ed il quartier generale della Nato, nel quartiere di Shash Darak a Kabul, ha causato, per ora, almeno 29 morti e circa 50 feriti. Dalle parole di un portavoce alla sanità è possibile sapere che i feriti sono stati trasferiti per le opportune cure negli ospedali di Wazi Akbar Khan ed Emergency. Si è trattato di un doppio attacco terroristico, a distanza di tempo e di luoghi ravvicinati, così come ci hanno abituati nei modi di agire degli ultimi attentati I terroristi dello Stato Islamico. Secondo quanto dichiarato da quest’ultimo, tramite gli organi di informazione che a all’Isis fanno capo, in questo caso l’agenzia di stampa Amaq, sarebbero “tra i 90 e i 100” i morti in seguito all’attentato. Notizia che non combacia con quella ufficiale, ma che potrebbe riservare delle variazioni. Sarebbero inoltre almeno 8 i giornalisti uccisi nel duplice attentato. E non solo giornalisti, ma anche cameramen, fotografi e tecnici sono rimasti uccisi e feriti in seguito dell’attentato a kabul. A riferirlo è il Comitato per la sicurezza dei giornalisti afghani (Ajsc), che nel comunicato precisa che “almeno altri 6 operatori sono rimasti feriti in maniera piuttosto preoccupante”. Secondo i media internazionali, e stando alle prime testimonianze degli sconvolti testimoni degli eventi, i giornalisti e il loro entourage che sono morti, sono stati coinvolti nel secondo attentato, quando cioè, in seguito al primo, erano accorsi sui luoghi per testimoniare e svolgere il proprio dovere, insieme anche alle unità di primo soccorso, che per prime si erano recate sui luoghi della strage. Infatti, anche se non abbiamo i numeri precisi, molti sarebbero i soccorritori che sono rimasti uccisi e feriti in seguito al duplice attentato. Quasi tutti, come dicevamo, nel secondo attentato, quello “ancor più subdolo”, se così possiamo definirlo. Che  la terra sia lieve a loro.

Due autobombe a Bengasi: decine di morti e centinaia di feriti

Gaza: 700 feriti e un morto nella giornata odierna

Open

Close