• Mer. Ott 27th, 2021

EDGE l Ultimo Ritr-Atto Performance di Giovanna Lacedra

DiThomas Scalera

Ott 7, 2015

Sabato 10 ottobre giornata dedica all’arte contemporanea dopo il successo delle passate edizioni, anche quest’anno la galleria MAG partecipa alla Giornata del Contemporaneo, organizzata da AMACI. Insieme a 26 musei AMACI e 1000 realtà in tutta Italia, la galleria MAG propone quest’anno un evento di arte performativa: EDGE | Ultimo Ritr-Atto Dall’ultima poesia di Sylvia Plath una performance scritta ed interpretata da Giovanna Lacedra. Sylvia Plath, celebre poetessa del filone Confessional americano, si tolse la vita all’alba dell’11 febbraio 1963, nel suo appartamento di Londra. Preparò la colazione per i suoi due bambini, Frieda e Nicholas, ancora addormentati. Depose per loro, sul comodino, un vassoio con del pane e del latte. Spalancò la finestra della loro stanza. Poi si recò in cucina, sigillò la porta, infilò la testa nel forno, aprì il gas e si ammazzò. Aveva solo 31 anni e non poteva immaginare che, dopo la sua morte, sarebbe stata considerata una delle voci poetiche più potenti del Novecento. Il suicidio della Plath fu un disperato tentativo di regressione ad una condizione di quiete ancestrale. Un illusorio ritorno al grembo materno. Sylvia era molto legata a sua madre, ed era ossessionata dalla morte del padre, scomparso prematuramente quando lei aveva otto anni. Nel grembo di lei, donna forte, colta, aperta, Sylvia sentiva di dover depositare il meglio di sé, qualcosa che somigliasse alla perfezione: successi scolastici, successi letterari, una vita perfetta da figlia americana perfetta. Ma, come scrisse in una sua celebre lirica titolata “I manichini di Monaco” e scritta quattordici giorni prima di morire… “La perfezione è terribile, non può aver figli. Fredda come respiro di neve, occlude il grembo dove arbusti di tasso spuntano come idre” La poesia titolata EDGE, invece, fu scritta sei giorni prima del suicidio, e non fu altro che un annuncio di quanto sarebbe accaduto. Fu il suo “addio”. Per questa ragione la definisco il suo “Ultimo Atto”. E il suo “Ultimo Autoritratto”. EDGE è in effetti l’ultimo ritratto che Sylvia ha lasciato di sé, al mondo. L’ultimo atto poetico e parimenti l’ultimo “Auto-Ritratto” lirico. L’ultima traccia densamente autobiografica e oltretutto conclusiva. Sono versi che dipingono il percorso dal dolore alla fine. Per questa ragione EDGE non può considerarsi soltanto una poesia. È molto di più: è un ritratto totale, è l’ultimo lembo al quale Sylvia si è aggrappata per annunciare la propria caduta, è quell’orlo che si affaccia sul precipizio, quando il precipizio appare accogliente; è l’oltre-limite che, con meticolosa descrizione, preannuncia il suicidio. Ma il lascito di lei, della sua vita, della sua luce, della sua memoria dopo la morte, è tutto nelle sue poesie. Ogni verso, una traccia del suo volto. Ogni verso un ritratto. In “EDGE | Ultimo Ritr-Atto”  Sylvia se ne andrà spogliandosi dei suoi infiniti volti come un fiore che perda i propri petali o come un albero che lasci cadere le sue foglie quando l’autunno è ormai giunto. Offrendo quel che resta del suo latte ad un figlio assente. E riavvolgendosi poi, come bianco serpente, nel suo stesso grembo. “Il pensiero che potrei suicidarmi si forma freddamente nella mia mente come un albero o un fiore.” (S.Plath)

 

Galleria MAG di Salvatore Marsiglione

Via Vitani, 31 – COMO

Giovanna Lacedra in EDGE | Ultimo Ritr-Atto performance-drawing-poetry

Sabato 10 ottobre 2015 – h.19.00

Durante tutto il giorno la galleria manterrà i normali orari di apertura: dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:30.

Info e Contatti : +39 328 7521463– +39 328 7521463

[email protected]

 

EDGE1

 

 

 

 

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru