• Mar. Ott 19th, 2021

Eu CollectivePlays: Progetto Teatrale Innovativo Internazionale UE ‏

DiThomas Scalera

Lug 30, 2015

Mercoledì 29 luglio alle ore 12.00 vi è stata la presentazione del progetto EU COLLECTIVE PLAYS! . E’ un progetto internazionale che vede capofila il Teatro Stabile delle Arti Medioevali, l’ente organizzatore del Festival Quartieri dell’Arte e che vede aggregate alcune delle più significative realtà europee nell’ambito dello spettacolo dal vivo, della formazione artistica, dell’innovazione e dell’inclusione sociale. Sono stati presenti alla conferenza stampa , durante la quale sono stato illustrate le importanti novità e presentati vari filmati, il sindaco del Comune di Viterbo Leonardo Michelini, l’assessore alla Cultura Antonio Delli Iaconi, l’assessore alle Attività Teatrali Giacomo Barelli, il presidente della Fondazione Carivit Mario Brutti e Giulio Curti di Bic Lazio. Un progetto che avrà un impatto innovativo sull’intera comunità teatrale internazionale, cofinanziato dal La%20Fura

Creative Europe dell’Unione Europea . Le fasi di ‘Eu CollectivePlays!’ sono state presentate dal Teatro Stabile delle Arti Medioevali, ente organizzatore del festival Quartieri dell’Arte , insieme ai partner la Fura delsBaus di Barcellona, la KHIO di Oslo, Collage Arts di Londra, la Gramigna di Perugia, Forteresse di Bruxelles, il Teatro Reale di ZetskiDom di Cetinje in Montenegro, la Fondazione per la Promozione dell’Inclusione Sociale di Malta. Nove testi collettivi, ognuno sviluppato e scritto da un gruppo di autori di diversa nazionalità e diversa esperienza,tra questi drammaturghi i cui lavori sono stati trasposti sul grande schermo da alcune delle figure più importanti del cinema mondiale contemporaneo e drammaturghi che costituiscono un riferimento per i più importanti teatri del mondo. Sei progetti di produzione sviluppati da altrettante compagnie transnazionali. Un web-magazine scritto in varie lingue dell’Unione Europea che metterà in evidenza i più interessanti processi creativi legati alla produzione di nuova drammaturgia a livello globale.  Workshop e workshow finalizzati ad accrescere la consapevolezza del pubblico e a sviluppare e sperimentare nuovi processi di scrittura teatrale: basti pensare a Kalliope, una nuova app che viene sviluppata dalla Fura delsBaus per permettere al pubblico di scrivere insieme ai drammaturghi, trasformando gli smartphone degli spettatori da strumenti concepiti per un uso individuale a tool finalizzati ad azioni creative/collaborative. ‘Eu CollectivePlays!’ punta anche alla creazione di una carriera internazionale di molti autori emergenti, associandoli ad autori dal curriculum consolidato e garantendo loro visibilità sul mercato globale attraverso la pubblicazione in lingua inglese, curata dalle maggiori case editrici anglosassoni, delle opere che svilupperanno. Il primo workshow di ‘EuCollectivePlays!’ sarà, in occasione dell’apertura di Quartieri dell’Arte il prossimo 29 agosto, Corpus 1462, una rievocazione in termini laici, postmoderni e polivocali della spettacolare processione che Pio II organizzò a Viterbo nel XV secolo, il grande evento che segnò la transizione tra il teatro medioevale e quello rinascimentale. Tra le prestigiose collaborazioni annunciate quella del Progetto 20-21 del Museo di Stato dell’Ermitage di San Pietroburgo e dello scenografo premio Oscar Gianni Quaranta e la collaborazione di molti artisti di fama internazionale e di importanti realtà viterbesi come il Museo del Colle del Duomo, Archeoares, i partner della Rete Elt, Viterbo Civica, il Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa, la Asl e la chef Laura Belli.

Giovanni Cardone

 

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru