CoronavirusEconomiaLavoroNewsPagina Nazionale

Fase 2, ecco cosa cambia

Fase 2, intesa tra Governo e Regioni: cosa cambierà

Il Governo e le Regioni hanno finalmente trovato un accordo. Le linee guida per la fase 2 sulle riaperture saranno simili in tutta Italia.

Le novità principali

La novità più importante riguarda il distanziamento sociale che scende a un metro.

Dal 18 maggio potranno riaprire ristoranti, bar, negozi, spiagge, palestre: come detto, scende a un metro la distanza minima da rispettare e la prenotazione sarà obbligatoria per parrucchieri ed estetisti.

Nei ristoranti, oltre alla distanza interpersonale minima obbligatoria, occorre privilegiare l’accesso tramite prenotazione. I tavoli devono essere disposti in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale. La distanza può essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche tra i diversi tavoli.

Nei bar l’ingresso deve essere contingentato e limitato a un numero di clienti che possa garantire la distanza interpersonale di almeno un metro. In alberghi, agriturismo e altre strutture ricettive resta imperativo predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione. Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore 37,5 °C. Le linee guida suggeriscono di favorire le modalità di pagamento elettroniche e gestione delle prenotazioni online, con sistemi automatizzati di check-in e check-out ove possibile. Clienti e personale devono indossare mascherine.

Nelle spiagge dovrà essere assicurato un distanziamento tra gli ombrelloni in modo da garantire una superficie di almeno 10 quadrati per ogni ombrellone. Tra lettini e sedie a sdraio, quando non posizionate nel posto ombrellone, deve essere garantita una distanza di almeno 1,5 metri. Regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, ecc. comunque assicurata dopo la chiusura dell’impianto. Le attrezzature vanno disinfettate ad ogni cambio di persona o nucleo familiare. In ogni caso la sanificazione deve essere garantita ad ogni fine giornata. 

Nelle palestre la distanza minima da mantenere sale a 2 metri, si potranno regolamentare gli accessi in modo da evitare assembramenti. Potrà essere misurata la temperatura corporea.

Dal 3 giugno riaprono anche i confini.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.