Mar. Mag 26th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Cardito. Strage familiare, ammazzato un bambino di 7 anni: città sotto shock

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Una lite in famiglia ha portato alla morte di un bambino di 7 anni

CARDITO. Una drammatica lite familiare ha sconvolto in questo fine settimana l’intera comunità di Cardito: muore un bambino di 7 anni all’interno di un appartamento in via Marconi. Ad ammazzare il povero angioletto la mano violenta di Badre TonyEssobiti 24 anni di origine tunisina. 

Il compagno della madre avrebbe picchiato senza pietà il piccolo fino ad ucciderlo. L’uomo ora è accusato di omicidio volontario. Ricoverata con gravi ferite in ospedale la sorellina del piccolo di 7 anni. La sorellina sfuggita per miracolo alla morte, ha avuto il coraggio di raccontare in ospedale agli inquirenti che a picchiarli senza pietà è stato il compagno della madre. L’uomo che in precedenza era stato già ascoltato la domenica sera dai poliziotti aveva dichiarato durante l’interrogatorio, che i bambini si erano fatti male cadendo dalle scale di casa. Non è stato creduto, è stato subito catturato all’alba di oggi, l’aggressore è il padre della terza figlia avuta dalla compagna trentenne Valentina Caso.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close