News

Caserta. Terremoto politico all'interno di Forza Italia. Voti comprati 11 indagati a piede libero

Tra gli indagati anche due candidati alle scorse elezioni regionali

CASERTA. L’ arresto di Carmine Antropoli ha portato un vero scossone all’interno di Forza Italia nella provincia di Caserta. I magistrati sono andati fondo sulla vicenda dello scambio elettorale politico mafioso analizzando quello che è accaduto nelle elezioni regionali del 2015. Risultano oggi indagati a piede libero 11 persone. Tra questi l’ex consigliere regionale e sindaco di Curti  Domenico Ventriglia, scomparso nel maggio 2018, e l’ex consigliera comunale di Caserta Lucrezia Cicia, compagna dell’ex sindaco di Capua  Antropoli arrestato lunedì mattina. Sia Ventriglia che Cicia erano candidati con Forza Italia alle scorse Regionali, non riuscendo però a farsi eleggere. L’indagine investigativa riguarda le stranezze accadute durante le elezioni regionali del 2015 nel capoluogo casertano. Sotto la lente di ingrandimento investigativo è finito “lo scrutinio” delle sezioni del parco Santa Rosalia e del rione Cappiello. L’indagine partita stamattina risulta completamente legata agli arresti svolti all’interno del clan Belforte per lo spaccio degli stupefacenti, a seguito i militari dell’Arma dei carabinieri hanno scoperto il traffico illecito dietro lo scambio dei voti alle scorse elezioni regionali del 2015. Ecco gli indagati a piede libero nell’inchiesta della DDA di stamattina:

Lucrezia Cicia 43 anni di Caserta,

Antonio Benenati di Arienzo anni 39,

Paolo Cinotti di Caserta anni 33,

Mario De Luca Casal di Principe anni 50,

Maria Antonia Di Lucca anni 79 di Caserta,

Caterina Mirra, 57 anni, di Caserta,

 Giuseppe Rinaldi, 45 anni di Caserta, 

Pasquale Valerio Rivetti, 26 anni di Maddaloni, 

Gianfranco Rondinone, 36 anni di Caserta,

 Santoro Modestino, 47 anni, di Caserta, 

Virginia Scalino, 26 anni, di Caserta,

Alberto Federico Spaziante, 44 anni, di Caserta, 

Domenico Ventriglia, deceduto nel maggio del 2018.

Durante l’operazione sono stati arrestati anche Pasquale Corvino l’ex vicesindaco di Caserta insieme all’ex sindaco di San Marcellino Pasquale Carbone. Un vero terremoto giudiziario quello accaduto all’interno di Forza Italia che rischia di rompere gli equilibri di un partito che agli inizi del mese di gennaio con l’inaugurazione della nuova sede provinciale politica ha iniziato con la benedizione dell’Onorevole Carfagna la ricostruzione politica in provincia di Caserta.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.