Mer. Set 18th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Forza Nuova ha aperto a Prata Sannita con Roberto Fiore: tutti i dettagli di quanto avvenuto

3 min read

Si è conclusa da poco l’inaugurazione della sezione di Forza Nuova a Prata Sannita in Provincia di Caserta. L’apertura nel piccolo centro di circa 1400 abitanti nella zona del Matese è stata accompagnata in questi giorni da aspre polemiche. Polemiche riprese anche da alcuni esponenti politici a livello nazionale per la vicinanza della sezione del movimento nazionalista alla sede di una cooperativa che ospita immigrati.

Il concentramento dei militanti e simpatizzanti  è avvenuto in serata attorno al locale in via Marconi scelto come sede. Il centro storico di Prata Sannita è stato presidiato da un ingente dispiegamento delle forze dell’ordine, non certo tipico  per un paese come Prata, con i carabinieri che hanno proceduto a identificare le persone che volevano avvicinarsi al raduno dei forzanovisti.

L’inaugurazione è avvenuta senza nessun problema di ordine pubblico e dopo il taglio del nastro, gli applausi e l’inno d’Italia, hanno preso parola i dirigenti nazionali e locali. Gli esponenti di Forza Nuova hanno dichiarato che non vi è stato nessun intento provocatorio nel collocare la loro sezione nei pressi di un centro che ospita immigrati, ma la scelta è stata fatta solo per la conveniente disponibilità del locale.

I responsabili di Forza Nuova di Prata Sannita hanno dichiarato che si è trattato di una polemica innescata da persone esterne alla realtà locale, affermando inoltre che durante i lavori di preparazione della sede vi sono stati anche punti di contatti con gli africani che risultano ben integrati nella realtà locale. All’inaugarazione ha preso parola anche il segretario nazionale di Forza Nuova, On. Roberto Fiore, che nel suo discorso ha comunque affermato la contrarietà del movimento nei confronti della gestione del fenomeno migratorio.

La sezione di Forza Nuova a Prata Sannita.

Nei pressi della sezione si sono ritrovati anche alcuni cittadini di Prata Sannita che hanno assistito incuriositi all’inaugurazione. Un giovane afferma di non apprezzare la presenza di Forza Nuova nel suo paese perchè va a dividere la cittadinanza, avrebbe preferito invece l’apertura di un’associazione apartitica per una realtà piccola come Prata.

Nella vicina piazza del paese è presente la camionetta della polizia con i celerini, un’immagine che contrasta quella di un tranquillo paesino di Provincia. Al centro della piazza sulla chiesa una targa del regime fascista con scritto: “Prata Sannita Provincia di Campobasso”. Si tratta di una targa commemorativa datata XVI E.F (anno sedici dell’era fascista) eretta in ricordo dei caduti della Prima Guerra Mondiale nel 1938, quando Prata Sannita era Provincia di Campobasso dopo che Mussolini abolì la Provincia di Terra di Lavoro nel 1927.

Il reparto celere della Polizia schierato nella piazza di Prata Sannita.
Open