• Mer. Ott 27th, 2021

Frosinone. Polizia di Stato e tifoseria insieme per un calcio “sicuro”

DiThomas Scalera

Mar 27, 2017

FROSINONE. La dott.ssa Antonella Chiapparelli, Primo Dirigente della Polizia di Stato e coordinatore del “Gruppo di Lavoro Sicurezza Stadio Casaleno”,  è intervenuta  al convegno “l’importanza del ruolo dei centri coordinamento all’interno di ogni società calcistica di appartenenza”.

Parole di stima sono state espresse per la tifoseria del Frosinone Calcio ed è stata sottolineata l’importanza dei centri coordinamenti tifosi quali importanti interlocutori per garantire un efficace ed integrato lavoro di collaborazione organizzativa sul piano della sicurezza degli eventi sportivi.

Il Funzionario  della Polizia di Stato ha sottolineato, inoltre, la complessità della gestione dell’ordine pubblico nel capoluogo in occasione delle gare interne del Frosinone Calcio, anche e soprattutto per la collocazione dello stadio “Matusa” nell’orbita del centro cittadino.

In quest’ottica, migliorerà la situazione con la realizzazione del nuovo stadio “Benito Sirtpe”, ex Casaleno  che, essendo delocalizzato in posizione  periferica rispetto al centro cittadino, arrecherà meno disagi alla cittadinanza non calciofila.

L’iniziativa, promossa dalla FISSC ed organizzata  dalla sezione ciociara del Centro Coordinamento, presieduto da Massimetto Armellini, ha visto la presenza anche del  Presidente della Provincia Antonio Pompeo, del Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, del Direttone Generale del Frosinone Calcio Ernesto Salvini e del  Sostituto Commissario Stefano Mancini della Questura di Frosinone, con esperienza lavorativa in servizi di ordine pubblico presso lo Stadio Olimpico e membro del già citato “Gruppo di Lavoro Sicurezza Stadio Casaleno”, nonché di rappresentanze di molte società professionistiche.

L’occasione ha sancito l’entrata ufficiale del coordinamento ciociaro nell’omonima organizzazione nazionale (FISSC).

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru