Costume e SocietàNewsPagina Nazionale

Genitori di una volta vs genitori di oggi. Il discorso di Gratteri ci fa riflettere

Riflessione sulle differenze educative di ieri rispetto ad oggi.
È chiaro che il metodo educativo delle nostre generazioni è totalmente differente rispetto a quello del passato, c’è stato un cambiamento graduale nella visione educativa e nella genitorialità, che ha “scombussolato” le abitudini da una generazione all’altra.

Analizzando il fenomeno da un punto di vista sociologico potremmo attribuire questi cambiamenti all’ evoluzione sociale, soprattutto femminile degli ultimi 50 anni circa. La famiglia ha assunto caratteri diversi man mano che la donna ha iniziato a manifestare il desiderio e la possibilità concreta di realizzazione personale e professionale. Cosa più che giusta! Il problema è che mancando due genitori per la maggior parte della giornata, non solo uno, sono minori le possibilità di avere dei riferimenti stabili per i bambini. Spesso i genitori devono essere assenti per molte ore, quasi sempre ci si ritrova a cena, davanti a piatti veloci a raccontarsi, ma non basta.

La riflessione del procuratore della Repubblica Gratteri ci colpisce, perché esplica in modo sereno, anche simpatico una realtà educativa come quella attuale, in cui si tende a recuperare il tempo sottratto ai figli tramite gli oggetti, comprando letteralmente qualche minuto della loro attenzione.

Ricorda con piacere quando, da piccolo, la madre gli insegnava a guadagnarsi da solo i suoi sfizi, quando per un capriccio era costretto a riflettere e chiedere scusa. Parla di una madre educativamente presente , severa, una generazioni di madri all’antica sicuramente ma molto attente, una generazione di bambini rispettosi e coscienti. Oggi tutto è concesso, pur di non offendere l’animo dei propri figli, tutto è materialmente possibile. Intanto manca il tempo, mancano le basi solide di una volta, mancano i riferimenti e le presenze rassicuranti. Sebbene ciascuno cerchi di fare del proprio meglio l‘ottica in cui siamo entrati è sbagliata e ci troviamo davanti una generazione di bambini (fatte le dovute eccezioni) pieni di sé e vuoti di valori e ispirazioni.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Antonella Viccaro
1992 diplomata nel 2010 presso il Liceo Pedagogico e delle Scienze Umane di Vairano scalo. Autrice del romanzo " La bambina che ha conosciuto il ferro" 2019.

    Comments are closed.