Giffoni Film FestivalNewsplanetmagazine.it

GIFFONI: SARA SERRAIOCCO “SIAMO BULIMICI DI SERIE TV, IL CINEMA E’ IN DIFFICOLTA'”

La dura riflessione dell’attrice

“Lo spettatore mette sempre meno attenzione all’immagine che percepisce. Social come Instagram ci hanno abituato a dedicare solo due secondi ad ogni singolo scatto che ti deve colpire subito perchè dopo ne arriva subito un altro. Così non c’è più tempo di metabolizzare le sensazioni; siamo bulimici di serie tv, ne vogliamo sempre di più e sempre di nuove perchè è possibile avere tutto e subito. Questo crea al cinema serie difficoltà, i registi sono obbligati ad un colpo di scena dopo l’altro”, Sara Serraiocco, una delle attrici rivelazione degli ultimi anni, ospite del Giffoni Film Festival, nonostante i suoi 28 anni, appare critica nei confronti della nuova fruizione delle immagini legata all’usa e getta. “Ma sento che c’è una rivoluzione in corso rispetto ad una decina di anni fa – continua – una rivoluzione pacifica d’intenti, di idee, che viene proprio dai giovani, nonostante la lentezza di certi percorsi ministeriali che bloccano per mesi o per anni certe produzioni”.
Interprete di film come “La ragazza del mondo”, “L’accabadora” o “Non è un paese per giovani”, Sara Serraiocco a Giffoni ripercorre la sua carriera (“Con Gomez non ci sono stati freni inibitori, in ‘Brutti e cattivi’ mi hanno affascinato le scene splatter alla Tarantino) e non nasconde una certa nostalgia per esperienze passate (“Amavo la danza ma ho appeso le scarpette al chiodo, il mio fisico rispetto a quando ho girato ‘Cloro’ è molto cambiato”). Ma è parlando del corto prodotto da Giorgio Armani e diretto da Michele Placido, “La giacca”, che si emoziona “E’ una storia molto vicina alla mia. Come la protagonista vengo da una famiglia in cui una giacca di Armani non sarebbe mai potuta entrare, e diventare volto della maison è stato emozionante”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.