• Gio. Ott 28th, 2021

Gli Stati Uniti avrebbero colpito una base dell’esercito di Assad

DiThomas Scalera

Dic 7, 2015
Un velivolo britannico impegnato nei bombardamenti in Siria. Credit: Reuters
Un velivolo britannico impegnato nei bombardamenti in Siria. Credit: Reuters

Tre soldati sarebbero stati uccisi e 13 feriti. La notizia è stata confermata dal ministero degli Esteri siriano. La coalizione internazionale nega

Il governo siriano ha dichiarato lunedì 7 dicembre che quattro aerei della coalizione internazionale contro l’Isis guidata dagli Stati Uniti avrebbero colpito un campo dell’esercito siriano nella provincia di Deir al-Zor. Si tratterebbe del primo attacco noto della coalizione contro le forze del regime di Assad.

Tre soldati sarebbero stati uccisi e 13 feriti. Secondo il governo si tratta di un atto di aggressione.

Gli aerei da guerra avrebbero lanciato nove missili al campo dell’esercito siriano nella serata di domenica 6 dicembre, secondo quanto dichiarato dal ministro degli Esteri siriano. Sarebbe il primo incidente di questo tipo da quando gli Stati Uniti e i loro alleati hanno iniziato a bombardare l’Isis in Siria nel settembre del 2014.

La coalizione internazionale ha negato, però, che i suoi raid aerei avrebbero colpito una base dell’esercito siriano.

L’inviato del presidente degli Stati Uniti alla coalizione internazionale, Brett McGurk, ha infatti dichiarato che “le notizie del coinvolgimento della coalizione sono false”.

Secondo quanto dichiarato dall’agenzia di stampa Sana, il ministro degli Esteri siriano avrebbe mandato alcune lettere al Segretario generale delle Nazioni Uniti e al capo del Consiglio di sicurezza dichiarando l’incidente “una palese aggressione che è contro gli obiettivi della Carta delle Nazioni Unite”. Ha anche sottolineato la necessità di “agire e prendere le misure necessarie per prevenire una ripetizione” dell’incidente.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha affermato che degli aerei da guerra “probabilmente appartenenti alla coalizione internazionale contro l’Isis” hanno colpito un campo dell’esercito nella provincia di Deir al-Zor, uccidendo quattro membri del personale dell’esercito siriano.

Il ministro degli Esteri ha inoltre dichiarato che tre veicoli corazzati, quattro automobili militari e un deposito segreto di armi e munizioni sono stati distrutti nei bombardamenti.

I raid della coalizione internazionale contro l’Isis guidata dagli Stati Uniti hanno regolarmente colpito la provincia di Deir al-Zor nella Siria orientale, poiché è una zona principalmente occupata dal sedicente Stato islamico e dalle sue aree petrolifere.

Fonte: The Post Internazionale

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru