• Gio. Ott 21st, 2021

Godzilla (2014) – la recensione

DiThomas Scalera

Mag 20, 2014

Di solito quando escono Monster movie come Godzilla ci si aspetta il classico “mostro”che distrugge città e che mette a repentaglio la salvezza dell’umanità ma non questa volta.

Non questa questa perche’ nel film di Gareth Edwards il lucertolone per eccellenza assume quasi una figura da arbitro, da Dio severo ma giusto capace di ristabilire un ordine. La trama di questo reboot ci racconta di uno scienziato (Bryan Cranston) che perde la moglie durante un devastante terremoto che colpisce un impianto nucleare sito in Giappone. La tragica perdita diventa per l’uomo un’ossessione e lo spinge per oltre 15 anni a cercare motivazioni e soprattutto a voler portare alla luce una verità terrificante, che dietro a quelle che sembrano calamità naturali e che i governi mondiali tentano di far passare per tali, vi sia in realtà qualcosa di ben più mostruoso, qualcosa che potrebbe “riportare l’intera umanità all’età della pietra”. Edwards mostra religioso rispetto del Godzilla originale riportandolo ai fasti di un tempo e schivando con intelligenza l’effetto “giocattolone hi-tech”; il regista regala ai fan una spettacolare battaglia tra kaiju di impressionante impatto visivo e sfruttando il formato disaster-movie miscela con un 3D intelligente, un cast di alto profilo e una tematica come quella dei rischi legati all’energia nucleare che era il cuore del Godzilla originale e che qui torna tema centrale, con una contestualizzazione che pone la trama in connessione con alcuni recenti e tragici accadimenti. Se cercate un film con massicce dosi di azione al pari di uno spin-off di Pacific Rim o del remake di Roland Emmerich potreste restare delusi, Edwards non è Michael Bay e questo Godzilla non è Transformers, il film è un disaster-movie a tutti gli effetti con un suo ritmo ben definito che non è quello dei film succitati, ma più paragonabile forse ad una via di mezzo tra Jurassic Park e Lo squalo.

Voto: 8

Guarda il trailer su Youtube

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru