CronacaNewsPagina NazionalePolitica

I genitori di Matteo Renzi agli arresti domiciliari: bancarotta fraudolenta e false fatturazioni

EVENTI IN EVIDENZA
Tiziano Renzi e Laura Bovoli

Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, sono agli arresti domiciliari

nell’ambito di un’indagine per bancarotta fraudolenta e false fatturazioni.

La notizia è stata diffusa ieri sera dapprima dal Corriere della Sera e successivamente ripresa da altri quotidiani e agenzie di stampa. I genitori di Renzi sono accusati di aver “provocato dolosamente il fallimento di tre cooperative dopo averne svuotato le casse ricavando così in maniera illecita svariati milioni di euro”. Al centro dell’inchiesta, coordinata dalla Procura di Firenze e condotta dalla Guardia di Finanza, ci sarebbero aziende collegate alla società di famiglia Eventi 6. Oltre ai genitori dell’ex premier ci sono altre cinque persone indagate. Tra loro Roberto Bargilli, ex autista del camper di Renzi durante le primarie del Partito democratico del 2012. Gli altri indagati sono gli amministratori delle cooperative che avrebbero agevolato questo sistema ritenuto illegale dai giudici. L’indagine era partita da Cuneo per accertamenti sull’azienda Direkta Srl. Gli atti sono poi stati trasferiti a Firenze proprio per i rapporti tra questa società e la Eventi 6. Nel capo di imputazione, scrive il Corriere della Sera, è specificato che “gli indagati cagionavano il fallimento della società per effetto di operazione dolosa consistita nell’ aver omesso sistematicamente di versare i contributi previdenziali e le imposte”.

La notizia è stata commentata da Matteo Renzi con un post su Facebook. “Un provvedimento assurdo e sproporzionato” scrive l’ex premier che ha annullato una conferenza stampa prevista per oggi al Senato.

Matteo Renzi

Leggi anche:

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Cronaca