• Mer. Ott 20th, 2021

I GIOVEDI’ DI LUCIO AMELIO PRESSO IL MUSEO MADRE

DiThomas Scalera

Mar 23, 2015

amelio-warhol-city-hall_foto_fabio_donato-1024x678

Giovedì 26 marzo sarà proposto un doppio appuntamento presso il Museo Madre uno alle ore 17.00 con una visita guidata gratuita ispirata alle corrispondenze tra Amelio e artisti, collezionisti, galleristi, critici, istituzioni culturali napoletane e internazionali. Mentre il secondo appuntamento alle ore 22.00 [email protected] presso la Sala delle Colonne vi sarà una serata musicale che evoca l’atmosfera del famoso locale napoletano City Hall, crocevia di artisti internazionali, e memorabile luogo dell’incontro, organizzato da Lucio Amelio il 1 aprile 1980, tra Andy Warhol e Joseph Beuys. In omaggio al gallerista napoletano Lucio Amelio, a cui il Madre dedica la mostra in corso Lucio Amelio. Dalla Modern Art Agency alla genesi di Terrae Motus (1965-1982). Documenti, opere, una storia…fino al 6 aprile 2015. Durante la visita guidata Lettere a Lucio Amelio, i Servizi educativi del Madre propongono un reading di alcune lettere e documenti in mostra, come quelle che, tra il 1967 e il 1968, documentano il rapporto del gallerista con Lucio Fontana, teorizzatore dello Spazialismo e autore di opere come i cicli Attese e Concetti spaziali, che pochi mesi prima della sua morte mise a fuoco proposte e progetti, poi non realizzati, per la sua mostra a Napoli. E ancora la collezione di lettere indirizzate ad Amelio, nelle quali l’artista James Lee Byars scrive di un progetto per Palazzo Reale a Napoli, associando alle parole disegni che trasformano questi messaggi in fragili ed impenetrabili lavori d’arte. [email protected] è un programma musicale e di videoproiezioni che ricreano le atmosfere e le suggestioni che hanno caratterizzato le notti di uno dei club underground più amati di Napoli. Frequentatissimo dai personaggi più influenti della scena artistica e culturale nazionale ed internazionale, il City Hall è lo storico locale napoletano aperto il 10 gennaio 1980 dall’imprenditore Dino Luglio, che resta nell’immaginario collettivo il luogo per eccellenza in cui idee ed intrattenimento confluivano in uno spazio culturale all’avanguardia: qui, il 1 aprile 1980, fu organizzata la festa che celebrò l’incontro a Napoli fra Joseph Beuys e Andy Warhol. Mixando materiali provenienti dagli archivi foto-cinematografici di Mario Franco e sonorizzandoli con le musiche dell’epoca, il ricordo degli artisti che hanno esposto da Lucio Amelio si configura come un omaggio libero ma rigoroso che si affianca, con materiali inediti, alla mostra del Madre.

lucio_amelio

In particolare, il programma della serata prevede un prezioso inedito: quando il 6 maggio 1983, l’artista americano Keith Haring espose da Lucio Amelio (fu tra l’altro la sua prima mostra personale in Europa), portò con sé in galleria una registrazione video in formato Umatic NTSC contenente la documentazione, tra l’altro, di una serie di disegni, piuttosto audaci, realizzati in una toilette pubblica, dalle pareti al soffitto. All’epoca, per problemi tecnici, non fu possibile proiettare il video al Museo Madre si vedrà quindi una vera e propria “anteprima” di un documento storico assolutamente inedito, relativo a un intervento di Keith Haring rimosso all’epoca, e quindi oggi perduto. I filmati in proiezione ritraggono anche Andy Warhol nella sua Factory, dagli anni degli esordi fino alla sua morte prematura, incluso l’omaggio del padre della Pop Art a Napoli, con la serie dei Vesuvius. Altri artisti come Jannis Kounellis, Cy Twombly, Robert Mapplethorpe, Keith Haring, Nino Longobardi, Carlo Alfano, Ernesto Tatafiore completano la selezione dei documenti, mixati da Mario Franco in una sintesi video che offre una significativa rievocazione degli anni 70′ e 80’ di Lucio Amelio. La serata sarà animata con il dj set di DOMAEX (Domenico Giordano), dj e producer napoletano che, influenzato da sound mistici e psichedelici, realizza dj set sensibili alle nuove tendenze elettroniche di matrice Deep House, Techno e Tech House. Chiude B.O.P – Luca Affatato, produttore di musica ed appassionato di sound design, che ha iniziato a suonare come dj Drum&Bass dal 1996, passando poi a 16bit Suicide, duo electrorock legato all’etichetta underground Registrazioni Italiane con Davide Rossillo, collaborando con la fanzine Nervi, con il fumettista spagnolo Miguel Angel Martin, mentre con Davide Squillace si è avvicinato alla struttura della musica dance producendo, con il moniker Phutura, dischi su realtà del settore (Minisketch, Adagio, Globox, Claque Musique).

I Giovedì di Lucio Amelio – Lettere a Lucio Amelio
visita reading -ore 17.00, terzo piano

[email protected]
musica e videoproiezioni
ore 22.00 – 2.00, Sala delle Colonne

 Partecipazione gratuita -Prenotazione consigliata

 INFO E PRENOTAZIONI

Lunedì / venerdì 9.00 — 18.00
Sabato 9.00 — 14.00 –

T +39 081 19 31 30 16

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru