Lun. Set 16th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

I migranti cancelleranno la “razza bianca”: lo dice il leghista Attilio Fontana

2 min read

Non è per una questione di campagna elettorale, né tantomeno per denigrare chi denigra, né per una volontà di marcare un sentiero in cui è facile adesso fare del qualunquismo e, anche, del vittimismo, ma non si può eticamente e moralmente non riportare quanto detto dall’attuale candidato a presidente della Regione Lombardia Fontana, ai microfoni di Radio Padania e riportato dall’ansa con le parole che seguono: L’Italia non può “accettare tutti” gli immigrati. Lo ha detto il candidato presidente della Regione Lombardia per il centrodestra, Attilio Fontana, parlando ieri a Radio Padania. “Qui non è questione di essere xenofobi o razzisti, ma è questione di essere logici o razionali”. “Non possiamo – ha sostenuto l’ex sindaco di Varese – perché tutti non ci stiamo, quindi dobbiamo fare delle scelte. Dobbiamo decidere se la nostra etnia, se la nostra razza bianca, se la nostra società deve continuare a esistere o se deve essere cancellata“. Avete letto bene. Sembra che ci sia più di una persona che crede realmente al famigerato quanto infimo “piano Kalergi”, secondo cui si sta attuando un processo in cui la “razza bianca” deve scomparire ed essere assorbita dalle altre “razze”. Ora, al di là del fatto che più volte nei miei articoli ho sempre sottolineato come per il sottoscritto non esista il concetto di razza, semmai di una unica “razza”, ovvero quella “umana”, è doveroso sottolineare anche un altro passaggio del signor Fontana, quello dove lui “si scusa” per quanto detto. In quel passaggio, oltre a poter constatare una marcia indietro da parte dello stesso su quanto detto pochi minuti prima, è possibile anche notare la “spontaneità”, nonché la superficialità, con la quale alcuni soggetti politici tendono ad avere un “background opinionistico” da tenere a bada, ma che non sempre a bada resta. Questo per dire che, semmai ci fosse ancora bisogno di ripeterlo, in una certa politica non sempre ciò che si tenta di far apparire alla fine equivale a ciò che si è. Quindi ben vengano questi “coming out” sponatnei. Ben vengano i bracci tesi alzati, le frasi razziste, quelle sessiste e quelle qualunquiste. Ben vengano, così sapremo capire meglio chi cazzo siete, prima di votarvi.

Napoli. Sanità, il Presidente De Luca incontra i commissari Polimeni e D’Amario

Alle urne il 4 marzo : l’Italia del “meno peggio” e il modo in cui ci influenzano

Open