• Dom. Ott 24th, 2021

I misfatti del Risorgimento: la Questione Romana

DiThomas Scalera

Ago 1, 2015

Cimeli_caccia_a_Roma_post1860

Come molti oramai sanno la Storia del Risorgimento è piena di misfatti. Per fare l’Italia unita bisognava annettere tutti gli storici Stati che componevano la Penisola Italiana. Tra questi vi era il millenario Stato della Chiesa. Il Papa all’epoca aveva un dominio esteso su ampi territori dell’Italia centrale, mentre il Regno d’Italia rivendicava Roma come capitale. L’Italia si doveva fare quindi lo Stato della Chiesa doveva scomparire. Quando il 17 marzo del 1861 nacque il Regno d’Italia, la capitale era ancora Torino, quindi l’Unità non era ancora realizzata. Roma fu presa nel 1870 con la celebre Breccia di Porta Pia. Il Papa veniva deposto come capo di stato. Si apriva la così detta Questione Romana. Il Papa si sentì prigioniero dello Stato italiano e quindi a tutti i cattolici fu chiesto di non partecipare alla vita politica del Paese. La Questione Romana fu risolta solo nel 1929, con i Patti Lateranensi voluti da Benito Mussolini. Il Papa tornava a essere sovrano di uno Stato, seppur piccolo, quello della Città del Vaticano. La Questione Romana è conclusa, resta ancora da risolvere la Questione Meridionale!

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru