• Lun. Ott 18th, 2021

Identità diverse della fotografia di Ana Gloria Salvia al PAN

DiThomas Scalera

Mar 11, 2014

“Credo davvero che ci siano cose che nessuno riesce a vedere prima che vengano fotografate”

Diane Arbus

Napoli – E’ stata inaugurata il 6 marzo al PAN, Palazzo delle Arti Napoli, la personale di Ana Gloria Salvia curata da Maria Savarese, intitolata “Archi – Cuba, l’Avana moderna. Architettura in immagini” visitabile fino all’8 aprile.

Giovane artista cubana nata a Holguìn, parte orientale di Cuba, nel 1973, Ana Gloria Salvia oggi vive e lavora a Parigi dove si dedica completamente alla fotografia.

L’artista propone foto con qualche eccezione pittorica per scandagliare l’architettura dell’edificio Focsa: una delle sette meraviglie dell’ingegneria civile cubana del XX secolo. Durante uno studio sull’architettura la fotografa scoprì di trovarsi di fronte a uno dei palazzi in cemento armato più alti costruiti fino ad allora; opera in stile modernista, affermatasi nell’Avana negli anni ’50, mostra un’armonica corrispondenza tra funzione e linguaggio architettonico, caratterizzato da forte linee verticali e orizzontali e libero da ornamenti decorativi.

Attraverso l’arte della fotografia, Ana Gloria parte da un soggetto unico per crearne diversi altri, spoglia l’architettura mostrando la pura geometria delle forme, un gioco dinamico in cui lo spettatore si interroga e interroga la propria immaginazione.

Lungi dal considerarla una catalogazione architettonica, la mostra ha l’intento di focalizzarsi sull’astrazione poetica delle forme sfruttando l’incisività di un obiettivo fotografico.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru