AgricolturaEconomiaNewsRoccamonfina

IGP Roccamonfina, c’è il marchio. Manca solo l’ok dell’UE

Dopo decenni di tentativi stavolta il traguardo sembra essere vicinissimo

Esultano il Comitato Promotore e l’amministrazione per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

ROCCAMONFINA – IGP Roccamonfina, il marchio finalmente è realtà. La Befana ha portato un grande regalo all’intera comunità di Roccamonfina. Ieri infatti è stata ufficializzata la notizia della registrazione del marchio IGP – Indicazione Geografica Protetta per la “Castagna di Roccamonfina” con tanto di pubblicazione del disciplinare sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 3 del 05 gennaio 2021.

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha infatti ritenuto di dover procedere alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del disciplinare di produzione dell’IGP “Castagna di Roccamonfina”. “Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali – si legge nel comunicato pubblicato in Gazzetta Ufficiale – acquisito il parere della Regione Campania competente per territorio, circa la richiesta di riconoscimento, ritiene di dover procedere alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del disciplinare di produzione dell’indicazione geografica protetta ‘Castagna di Roccamonfina’.

Le eventuali osservazioni adeguatamente motivate, relative al presente disciplinare dovranno essere presetate al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (…) entro 60 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del presente disciplinare, dai soggetti interessati e costituiranno oggetto di opportuna valutazione da parte del predetto Ministero, prima della trasmissione della suddetta richiesta di riconoscimento alla Commissione Europea.

Decorso tale termine – conclude il comunicato ministeriale-, in assenza delle suddette osservazioni o dopo la loro valutazione ove pervenute, la predetta richiesta sarà notificata per la registrazione ai sensi dell’art. 49 del regolamento (UE) n. 1151/2012, ai competenti organi comunitari”.

Si spera nell’esito favorevole dell’Unione Europea

Non resta dunque che attendere la decisione finale della Comunità Europea dopodiché il sogno del marchio IGP inizierà ad essere una concreta realtà e grande occasione di rilancio economico e sociale per Roccamonfina e tutti i comuni dell’areale castanicolo coincidenti in gran parte con quelli appartenenti alla Comunità Montana “Monte Santa Croce” e dell’omonimo Parco regionale “Roccamonfina-Foce del Garigliano”. Grande la soddisfazione espressa dal Comitato promotore dell’IGP e dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carlo Montefusco per lo storico traguardo raggiunto.

Il Comitato promotore dell’IGP “Castagna di Roccamonfina” presieduto da Renato Petteruti in una nota pubblicata sulla propria pagina Facebook esprime tutta la sua soddisfazione e felicità per il traguardo raggiunto. “Carissimi amici oggi un importante atteso tassello è stato messo per il raggiungimento del riconoscimento della CASTAGNA DI ROCCOMONFINA IGP

un marchio importante per tutto il nostro territorio, il nostro areale castanicolo che comprende Roccamonfina e tutti i comuni limitrofi – si legge nella nota del Comitato promotore dell’IGP –, il quale ci permette di dare un valore aggiunto al nostro prodotto e che ci permette di accedere a tanti vantaggi come l’inserimento nel già costituito Distretto Castanicolo Campano e non solo.

Un doveroso riconoscimento va innanzitutto al presidente del Comitato Promotore Sig. Renato Petteruti che nonostante l’età avanzata non si è mai sottratto al non poco farraginoso e complicato impegno messo a disposizione per il raggiungimento in un primo momento del marchio DOP purtroppo non andato a buon fine e poi del marchio IGP del quale – prosegue la nota – oggi possiamo dire quasi raggiunto in quanto manca solo il vaglio della Commissione Europea, poi al resto dei componenti il Comitato stesso e ahimé

Il Marchio IGP – Castagna di Roccamonfina

anche e soprattutto a persone che oggi non sono più tra noi come il sig. Enzo De Pippo ed altri che hanno dato il meglio di sé per contribuire al raggiungimento di questo obbiettivo, molte altre persone hanno contribuito anche e soprattutto con un contributo sia di massima disponibilità nonché economico finanziario,

come la Camera di Commercio nella persona del presidente Tommaso De Simone e l’Ente Parco nella persona di Luigi Verrengia nonché dell’associazione Verde Collina nella persona del presidente Franco Di Pippo e il tecnico agrario Mario Conti non ultimo il Comune di Roccamonfina e in particolar modo l’amministrazione che ha dato la spinta decisiva ad una pratica dormiente da decenni .

A dita incrociate e con grande entusiasmo – conclude il comunicato – ci auguriamo di superare questo ultimo ” ostacolo” … La Commissione Europea. Castagna di Roccamonfina IGP avanti tutta. Dimenticavo la persona più importante … Il dott. Italo Santangelo relatore nonché promoter di tutto il progetto presentato, esperto di castanicoltura e di tutte le filiere agroalimentari nonché nostro amico e sostenitore di questo progetto. INSIEME SI PUÒ”.

Grande la soddisfazione anche per l’amministrazione comunale che sempre via social esprime il suo compiacimento e soddisfazione per l’obiettivo raggiunto: “Una conquista storica per Roccamonfina – si legge nella nota de ‘La Primavera Roccana’ –. L’ accelerata e la spinta dell’amministrazione Montefusco ad una pratica dormiente da tanti decenni, ha dato il risultato sperato: la castagna di Roccamonfina diventa IGP! È stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 3 del 5 gennaio 2021, la registrazione dell’IGP ‘Castagna di Roccamonfina’.

La pubblicazione è stata disposta dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, a seguito del completamento dell’istruttoria su base regionale e nazionale del riconoscimento. Strategico Marchio – prosegue la nota – con cui le nostre castagne saranno presentate come eccellenza sui mercati nazionali ed internazionali. La denominazione IGP a segnalarle, come prodotto di altissima qualità, difendendole dalla globalizzazione e pianificazione che ha investito i settori agroalimentari.

I rigogliosi castagneti di Roccamonfina

Anche i prezzi delle castagne non potranno più scendere al di sotto di una soglia ben definita. Il marchio IGP metterà in risalto, all’occhio dei consumatori, la straordinaria, unica, origine geografica delle nostre eccezionali castagne, il Vulcano di Roccamonfina! Il debutto sarà accompagnato da un serio piano di marketing territoriale.

Si ringrazia – conclude il comunicato – il Sindaco Montefusco, l’Assessore regionale On. Caputo, L’ Assessore comunale delegato Beniamino Martino, il Presidente del Comitato Petteruti, il Presidente del Parco Verrengia, il Pres.dell’Associazione Verde Collina Di Pippo e tutto il direttivo del comitato ROCCAMONFINA IGP”.

Non resta che attendere dunque la decisione dell’Unione Europea sperando che stavolta non ci siano intoppi e che finalmente possa innescarsi un meccanismo virtuoso per il rilancio della filiera castanicola di Roccamonfina, tra le principali filiere agricole italiane ed europee.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Vincenzo Mario
Giornalista Pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania. Vicedirettore e Redattore di V-news.it. In oltre 15 anni di professione vanta numerose collaborazioni con i principali quotidiani cartacei e online di Terra di Lavoro ed esperienze in emittenti televisive e radiofoniche. Tra le principali esperienze e collaborazioni spiccano: giornalista e fotoreporter per “Il Giornale di Caserta” e inviato per “TRM – TeleradioMatese” - Gruppo “Lunaset”, corrispondente e Redattore per la "Nuova Gazzetta di Caserta", giornalista per il mensile “Fresco di Stampa”, giornalista radiofonico e speaker, curatore del Notiziario campano per RCS – Radio Circuito Solare,

    Rispondi