• Sab. Giu 25th, 2022

Cardito. Il piccolo Giuseppe, poteva essere salvato: la mamma era presente al pestaggio

Il patrigno <<Ho perso la testa>> senza sapere quello che facevo

CARDITO- Il bimbo di Cardito poteva essere salvato. Stando alle ricostruzioni fatte dagli investigatori il bimbo poteva essere messo in salvo. La sua agonia sarebbe durata un paio d’ore. La madre ed il suo convivente avrebbero cercato di medicare il bambino evitando gravi conseguenze che poi purtroppo hanno portato alla morte del piccolo Giuseppe, su tutti questi attimi accaduti all’interno della casa, gli inquirenti sono impegnati a tutto campo per scoprire la verità. L’ elemento più grave che è uscito dalla ricostruzione che la madre oltre ad essere presente al pestaggio non avrebbe fatto nulla per salvare la vita al figlio. Gli agenti su questa cosa vogliono vederci chiaro, ma soprattutto stanno indagando anche su due aspetti della tragedia di Cardito che riguardano la figura della mamma Valentina Caso. Questi due elementi potrebbero mettere alla ribalta nuovi elementi essenziali sulla responsabilità della madre. Vogliamo però ricordare che la mamma per ora non risulta indagata nella vicenda.

Ma sotto l’occhio dei magistrati questi due elementi potrebbero mettere alla luce nuovi aspetti nascosti dai due protagonisti sulla strage:

1). La telefonata che il “mostro” avrebbe fatto alla sorella alle 10 di domenica.

2). L’ arrivo della madre di Tony alle 12.30 nella abitazione della coppia. Su questi due aspetti i magistrati insieme agli agenti hanno concentrato le indagini.

https://www.v-news.it/alghero-catanzaro-due-femminicidi-a-poche-ore-di-distanza-la-tragedia/?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru