• Dom. Ott 17th, 2021

Il blitz della polizia al centro per migranti Baobab di Roma

DiThomas Scalera

Nov 24, 2015
118400-md
Nel centro di accoglienza Baobab a Roma, l’11 settembre 2015. (Antonio Masiello, NurPhoto/Corbis/Contrasto)

A Roma le forze dell’ordine hanno fatto un blitz per controllare e identificare i migranti ospitati dal Baobab, un centro di accoglienza gestito da volontari in via Cupa, nella zona Tiburtina. La questura ha riferito che l’intervento rientrava nell’ambito delle operazioni per la sicurezza del Giubileo.

L’operazione di polizia. Secondo testimoni una cinquantina tra carabinieri e agenti di polizia sono arrivati al centro intorno alle 6.30, a bordo di quattro blindati, e hanno bloccato la strada. Poliziotti e militari, anche in tenuta antisommossa e con unità cinofile, sono entrati nel dormitorio e hanno fatto uscire i profughi presenti, circa settanta, per farli identificare da funzionari dell’ufficio immigrazione della questura di Roma.

I migranti portati via. Le persone trovate senza documenti erano 24 tra cui due minori non accompagnati, hanno raccontato i volontari del centro. Sono stati tutti caricati su un pullman e trasferiti in via Patini all’ufficio immigrazione. In questo gruppo, oltre a etiopi ed eritrei, c’erano diversi migranti marocchini, che per un accordo bilaterale tra l’Italia e il paese di provenienza “rischiano il rimpatrio diretto”, ha spiegato Roberto Viviani, uno dei volontari del Baobab.

Il rischio di sgombero. L’operazione ha colto di sorpresa i volontari, che da tempo erano stati avvertiti della possibilità di uno sgombero della struttura per cause amministrative, e quindi con l’arrivo della polizia, all’alba, temevano di essere tutti costretti ad abbandonare il centro.

Cos’è. Il Baobab è un centro culturale con un ristorante di cucina africana. Era nato nel 2004 in una vetreria abbandonata, tra il piazzale del Verano e la stazione Tiburtina, come centro di accoglienza e per attività culturali sotto la gestione del consorzio di Salvatore Buzzi, il principale imputato nell’inchiesta di Mafia capitale. Fu scattata proprio lì, nel 2010, una foto che ritraeva Buzzi insieme all’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno e all’ex presidente di Legacoop, oggi ministro del welfare, Giuliano Poletti.

I volontari. Nel tempo la struttura si è trasformata in un centro di accoglienza straordinaria dei migranti: da cinque mesi è autogestita da un gruppo di volontariche hanno affrontato il transito di 35mila persone e lamentano, davanti a un fenomeno migratorio sempre più consistente, l’assenza delle istituzioni. “Abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere all’amministrazione comunale e al ministero dell’interno una soluzione al problema dei migranti a Roma: dallo sgombero di ponte Mammolo, lo scorso maggio, a oggi non è stata proposta alcuna soluzione alternativa. L’unica altra struttura è quella gestita dalla Croce rossa in via del Frantonio, con soli 55 posti letto”, raccontano dal centro.

Fonte: Internazionale

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru